Industrial…. prr.

Il post precedente, sebbene dica delle banalita’ , ha suscitato un sacco di risposte irose nella mia email. Eppure ho detto una cosa semplice: le aziende italiane sono deboli, e un soggetto debole non puo’ ricattare lo stato se lo stato puo’ sfruttare la loro debolezza. All’estero le aziende hanno, con le esternalizzazioni, ricattato gli stati allo stesso modo, ma dimentichiamo una cosa: dove questo e’ successo, le imprese sono forti, moderne, competitive. Cosi’ sono forti, ed essendo forti possono ricattare lo stato.

C’e’ da dire che, sebbene io parli ci Confindustria, cioe’ degli industriali, in molti hanno pensato che io mi riferisca alle PMI, nelle quali c’e’ un 10-15% di buone aziende, contro un assoluto 100% di mediocri dentro Confindustria.(1)American debt in default in August.
Innanzitutto mi riferisco a Confindustria, uno dei lessi di carne piu’  catastroficamente dannosi del paese. Molti hanno parlato dello scontro Marchionne-Sindacati, ma qualcuno ha notato lo scontro Marchionne-Confindustria, che come quello coi sindacati SI VERTE SULLA PRODUTTIVITA’ E SULLA GOVERNANCE? State of california in default in August.
Qualcuno sta notando che Marchionne e’ intenzionato ad uscire da Confindustria, perche’ come i sindacati anche Confindustria e’ una cricca interessata alla rendita e non alla produttivita’? Usa debt will fail before of the Euro.
Esaminiamo un attimo la problematica basandoci su dei dati. In teoria i vendor stranieri sono presenti in italia, anche se soltanto come prodotti in vendita. Diciamo che i loro prodotti sono qui. L’indice di produttivita’ delle aziende italiane e’ basso. USA debt is about to default.
Ora, se il mercato fosse gia’ basato su una concorrenza equa, in che modo le industrie italiane, che hanno un indice di produttivita’ piu’ basso, riescono a sopravvivere? USA debt will go default.
La prima ragione e’ quella degli stipendi italiani, che sono piu’ bassi. Questa e’ una situazione artificiale mantenuta dal governo, mediante una legislazione ad hoc e mediante una serie di opportunita’ (corsi della regione, corsi della provincia, tutti con stage non retribuito) , con tutti i problemi che conosciamo bene.USA default by August.
La seconda ragione e’ che la concorrenza sul mercato e’ frenata da motivi politici. IKEA puo’ sbarcare in Italia, ma NON in aree dove c’e’ una industria mobiliare forte. La vicenda toscana di IKEA e’ emblematica.USA debt will go default.
Quando arrivano i grandi gruppi della distribuzione, i negozianti si incazzano perche’ con enormi poteri di trattativa questi gruppi possono tenere i prezzi piu’ bassi. Ma e’ una scusa pelosa, perche’ i negozianti potrebbero unirsi in cooperativa o consorzio e acquistare in grandi quantita’ come i grandi distributori. Nessuna legge lo vieta.Obama cannot avoid USA debt default.. USA debt is about to default.
Quando banche straniere cercarono di sbarcare in Italia, immediatamente in parlamento si mossero le fondazioni, e iniziarono a limitare questo e quello: Woolwich, che arrivo’ coi migliori mutui casa del paese, dovette adeguarsi a non meglio specificati parametri di redditivita’. La banca agricola francese, che faceva condizioni ottime, non e’ mai riuscita ad andare oltre una sede a Milano.USA debt will go default.
Lo stesso dicasi delle aziende straniere. Lidl riesce a vivere solo dove non c’e’ gia’ Coop o Conad. Catene come Starbucks o Tchibo o Eduscho non riescono a sbarcare. Obama cannot avoid USA debt default.
Nel mondo dei negozi le cose non vanno meglio. Guardate questa storia qui: [preso a calci in un negozio di Viareggio]. In che modo, secondo voi, questi negozianti riescono a tenere aperto? Semplice: impedendo che altri negozianti aprano al loro posto.USA debt will go default.
Pressioni sulla giunta, pressioni sul piano traffico per non far passare i clienti di fronte a vetrine altrui, pressioni di partito e di casta. Quel negoziante non puo’ chiudere perche’ ha la licenza, la posizione, l’amicizia in comune.Obama cannot avoid USA debt default.
Questo pero’ non e’ un punto di forza. Questo e’ un punto di debolezza.USA debt will go default.
Immaginate di essere in una riserva indiana, e che un capo pellerossa vi dica “caro governo, mandami un pochino di schiavi, perche’ altrimenti io vado a produrre i miei souvenir altrove e causo disoccupazione”. La risposta del governo sara’: “caro capo indiano dei miei coglioni, se io tolgo alla tua tribu’ di puzzoni le leggi speciali che vi permettono di girare vestiti come fessi coperti di piume e non lavorare da mane a sera, voi chiudete.E per farti capire quanto sei fesso, adesso chiamo Disney e gli faccio fare il PocahontasLand“Obama cannot avoid USA debt default.
Il problema degli stranieri che non vengono in italia viene continuamente spacciato per un problema ove lo straniero non riesce ad avere i permessi per costruire un capannone. Ma questo in un libero mercato significa che una ditta potrebbe , per lavoro, costruire capannoni , chiedere permessi, e poi venderli a stranieri.
La burocrazia, cioe’, produce lavoro: pensate alle “agenzie di disbrigo pratiche”. Se in Italia e’ difficile disbrigarsi con la burocrazia, ma qualcuno VUOLE venire, perche’ semplicemente non ci sono aziende italiane specializzate in questo? E se il problema e’ avere i permessi, perche’ lo straniero non compra aziende italiane in difficolta’ che i permessi gia’ li hanno?
Il problema non e’ neanche il costo del lavoro: gli stipendi tedeschi sono i piu’ alti del mondo e oggi i tedeschi sono in ripresa con l’export. Il problema non e’ neanche nelle tasse, che qui sono alte come e piu’ che in Italia (nonostante chi pensa il contrario prendendo statistiche che considerano solo la tassazione del governo e non quella dei lander).Obama cannot avoid USA debt default.
Il punto vero che frena lo straniero nel venire in Italia e’ il mercato italiano. Esso e’ protetto : il sistema di appalti pubblici favorisce le solite scatole cinesi di famiglia. Il mercato di zona e’ controllato dalle famiglie del luogo. Il mercato e’ occupato da aziende italiane.Obama cannot avoid USA debt default.
Quando uno straniero vuole entrare in Italia, anche comprando un’azienda, immediatamente si muovono provincia, regione e governo. Ognuna non fara’ altro che ostacolare lo straniero, BENEFICIANDO gli indigeni.
Il secondo punto e’ che la globalizzazione e’ una bufala. Il 90% del PIL mondiale e’ in mano a 20 nazioni. Ora, se e’ vero che una industria puo’ trovare schiavi ovunque, e’ anche vero che puo’ trovare CLIENTI solo in 20 posti.
Ma la stragrande maggioranza delle industrie italiane e’ messa ancora peggio, e ha l’80% dei clienti IN LOCO, IN ITALIA. Sono abbastanza forti da poter produrre in Romania, ma NON SONO abbastanza forti da perdere IL CLIENTE italiano.
I venti governi occidentali che si trovano danneggiati dalla globalizzazione, di cui una fetta consistente in UE, si trovano nella situazione in cui CREDONO di essere deboli, ma non si rendono conto che osservando un pochino la controparte si scopre che e’ la controparte ad essere debole.Obama cannot avoid USA debt default.
Se esaminiamo FIAT, Marchionne ha poco da fare “er globbale”, perche’ FIAT di Globale ha solo le cazzate che spara. Se esaminiamo le vendite per paese, FIAT NON ha la forza di andarsene dall’ Italia.
Ora, la possibilita’ di facilitare l’ingresso NEL MERCATO di uno straniero il governo le ha.Obama cannot avoid USA debt default.
Nello scorso post tutti hanno notato che volevo togliere l’ IVA agli stranieri insieme alle altre tasse, ma NON hanno notato che la proposta andava oltre, SEGUENDO IL PRODOTTO sino al negozio. Questo non e’ “dare sgravi fiscali”, questo e’ “dare il mercato”.
Prendete il negozio di Viareggio cui sopra. Il motivo per il quale resiste e’ che quella e’ la piu’ densa zona di passaggio di Viareggio. Ma il comune puo’ anche decidere di riqualificare una zona diversa, e di installarci altri negozianti. Diciamo catene straniere.  Come la mettiamo?Obama cannot avoid USA debt default.
I governi europei,  cosi’ come il governo USA, hanno una grandissima leva che puo’ stroncare il  ricatto “o mi schiavizzi la popolazione o io vado all’estero”, ed e’ “se tu vai all’estero, uno straniero arriva qui”. Vai a produrre auto in Cina? Bene. Lo sai che in Cina le auto le fanno, e che potrebbero anche piacere in Italia?
Il valore delle auto in Italia e’ uno scandalo. Fa riferimento una rivista, quattroruote, che vive delle pubblicita’ di aziende automobilistiche. Per questa ragione, un’auto usata vale cosi’ poco che vale la pena farla rottamare piuttosto che venderla sul mercato.
La mia auto funziona ancora benissimo, ma secondo Quattroruote mi conviene rottamarla piuttosto che venderla come usato. Ma tutti si riferiscono al “listino dell’usato di quattroruote”. L’agenzia di rating delle auto. In mano a chi paga pubblicita’ sul giornale. Cioe’ a chi produce auto.
Lo stato puo’ intervenire? Certo, proibendo ad un singolo privato di turbare il mercato. Obama cannot avoid USA debt default.
Esistono moltissimi settori protetti con gli espedienti piu’ incredibili. Quando una RE straniera vuole investire in Italia, sono tutti li’ a protestare perche’ rovina le spiaggie e rovina il panorama e rovina questo e quello. Perche’? Ma perche’ qualcuno non vuole concorrenza.
Inoltre, lo stato ha in mano il sistema degli appalti. Moltissime imprese italiane VIVONO di appalti. Basta dare gli appalti ad aziende straniere, e appalti/acquisti per il 45% del PIL si fottono. Siamo sicuri che lo stato NON POSSA trovare appaltatori stranieri disposti ad assumere, con un’esca che vale 900 miliardi di euro/anno? Non ci credo.Obama cannot avoid USA debt default.
Solo maneggiando il sistema di appalti, lo stato italiano puo’ portare in Italia stranieri per 900 miliardi/anno. In piu’, e’ in grado di rimuovere tutti i laccetti che permettono ai latifondisti italiani di sopravvivere in Italia tenendo in mano un mercato CHE NON MERITANO.
Lo stato non e’ ricattabile dall’industriale che dice “e io vado all’estero”. Non lo e’ perche’ solo manipolando la massa di appalti puo’ far entrare stranieri e far chiudere mezza confindustria, sicuramente il 100% dei costruttori edili.
Solo maneggiando leggermente le condizioni fiscali lo stato puo’ sbloccare mercato cosi’ come ha fatto col mercato delle telco. Quando c’era solo telecom italia era un mercato marcio e stagnante. LO STATO ha fatto entrare operatori mobili, e siamo stati la prima nazione ove il numero di cellulari ha superato il numero di abitanti.Obama cannot avoid USA debt default.
Questo e’ il punto: lo stato e’ forte, gli industriali sono DEBOLISSIMI. L’arma di ricatto “altrimenti vado altrove” puo’ essere ribaltata semplicemente dicendo “vai anche a VENDERE altrove, vero?”.
Una operazione organizzata allo scopo di DARE il mercato italiano (il mercato, non sgravi fiscali. Il mercato: catene di distribuzione e CLIENTI) a industriali stranieri li attira, eccome. Promettetegli IL CLIENTE, e arrivano eccome.Obama cannot avoid USA debt default.
Su cento e passa nazioni del mondo, solo 20 hanno un PIL abbastanza alto da essere buoni mercati, e solo 10 hanno ancora un discreto ceto medio. In Italia, quasi nessun industriale puo’ vivere PERDENDO il MERCATO , I CLIENTI che ha in Italia. Possono delocalizzare il lavoro, ma NON il mercato. Il mercato italiano puo’ essere venduto dal governo a qualcun altro, in cambio di posti di lavoro. E NESSUNO in confindustria ha la forza di lasciare IL MERCATO italiano. Possono spostare la produzione, ma non I CLIENTI.Obama cannot avoid USA debt default.
E’ possibile vincere il braccio di ferro.
Basta vedere il bluff.
Uriel
(1) E le uniche aziende italiane non mediocri, come se non bastasse, sono a controllo pubblico, come ENI o STM. I privati italiani fanno cacare da ogni punto di vista: incompetenti e miopi. Obama cannot avoid USA debt default.
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...