La secessione personale.

Piccolo preambolo-prefazione

I pezzi che potete leggere in questo diario sono copie fatte in ossequio al diritto d’autore di pezzi rilasciati su un altro diario rilasciati con licenza Creative Commons. Qui potete leggere ulteriori informazioni.


 

La secessione personale.

Credo di avere due o tre persone che continuano  a sbattersi dicendo che io non ho parlato dei morti di Lampedusa abbastanza. Si tratta sia di persone di sinistra che di leghisti o cattofascisti. Mi dicono che dovrei sentirmi coinvolto, ma le cose non stanno esattamente cosi’. No, ci sono delle differenze.

Vedete, se caricate i due stracci che avete e vi affidate ad un criminale per andare, con un viaggio lungo e rischioso, in un paese dove non conoscete nessuno, siete sicuramente dei migranti.
Posso definire chiaramente le condizioni del migrante. Se rischi la vita, vendi ogni cosa che hai, vai in un posto del quale non parli la lingua, senza avere contatti, completamente alla cieca, la forza che ti spinge e’ chiara, ma e’ anche chiara la debolezza che ti spinge.
Ed e’ la stessa debolezza che sconti quando uno scafista ti getta in mare con moglie e bambini. La stessa che sconti quando ti sbattono in un CPE. Quando ti trovi per le strade e non sai che diavolo fare, a chi chiedere, con chi parlare. Non sai nemmeno parlare,a  dire il vero, perche’ nessuno ti capisce.
Adesso facciamo un confronto. Come saprete, la svizzera e’ interessata da un fenomeno che e’ quello delle aziende italiane che si muovono oltreconfine. Si tratta , secondo voi, di immigrati.
Ma generalmente arrivano in Svizzera su un’auto. Entrano in un ufficio e chiedono cosa fare per spostare l’azienda. E si vedono offrire un “Welcome Package” di servizi, che lo invitano a restare. Queste persone condividono coi migranti la forza che li spinge ad andare via: anche loro non potevano piu’ sostentarsi in patria.
Ma non condividono con il migrante la debolezza che lo spinge: essi hanno, ECCOME, un potere di trattativa. Lo stato svizzero, come quelli francese ed austriaco o croato o sloveno, li VOGLIONO. Nessuno manca loro di rispetto. Nessuno li rinchiude in un CPE.
La cosa che non si vuole capire e’ che la definizione di migrante e’ definita da due condizioni:
  • Una FORZA enorme che toglie loro la possibilita’ di vivere in loco.
  • Una DEBOLEZZA enorme che li rende impotenti, nulli, soli, isolati,  nel luogo di destinazione.
Se togliamo la seconda caratteristica al movimento, non otteniamo niente di simile alla vostra “migrazione”. Ne ho visti tanti quando viaggiavo avanti e indietro dall’ Italia. Erano persone che avevano in tasca un bel foglietto con un contatto in un edificio cittadino, il Burgerbüro. Andavano a discutere le agevolazioni fiscali se avessero spostato li’ la loro azienda. Li sentivo parlare, in quella mancanza di privacy che e’ l’aereo.
Queste persone non erano in balia di uno scafista. Non temevano di essere gettati giu’ a colpi di remo. Scendevano dal loro aereo Lufthansa, prendevano un taxi, e andavano in un ufficio col quale avevano appuntamento, ove una persona li aspettava, e se non gia’ italiano, quella persona parlava almeno inglese.
Certo, una forza enorme (la crisi e la pressione fiscale) li spingevano. Ma quello che mancava era la DEBOLEZZA del migrante.
Ora, se non possiamo chiamare “migranti” le migliaia di aziende, professionisti e tecnici specializzati che se ne vanno, come dovremmo chiamarli? Che cosa fanno queste persone, se non e’ emigrazione?
La parola la conoscete:
SECESSIONE.
Si, i leghisti ve ne hanno parlato tanto. Non l’hanno mai fatta, vero. Ma il loro intento iniziale, almeno quello dichiarato, era di NON PAGARE PIU’ UNA LIRA A ROMA, non contribuire piu’ ad un sistema che sprecava i soldi, ad un sistema che disprezzavano, che ritenevano alimentare parassitismo e fancazzismo.
Adesso chiediamoci: che cosa hanno ottenuto le MIGLIAIA di aziende italiane che si sono spostate oltreconfine? Hanno ottenuto di… di NON PAGARE PIU’ UNA LIRA A ROMA, non contribuire piu’ ad un sistema che sprecava i soldi, ad un sistema che disprezzavano, che ritenevano alimentare parassitismo e fancazzismo.
Che strana coincidenza, eh?
Voi non lo avete capito, ma la secessione e’ in corso.
solo a Chiasso si muovono dalle 10 alle 15 aziende italiane al giorno. Fanno da 3650 aziende a 5475 aziende/anno. Ma non c’e’ solo Chiasso. Di tutte le migliaia di aziende che hanno chiuso quest’anno, e che voi credete abbiano chiuso, una cospicua percentuale si e’ semplicemente spostata. Per le statistiche sono chiuse, ma in realta’ hanno riaperto altrove.
Dalle zone del nord , ove spostarsi verso “un poco piu’ a nord” e’ piu’ facile, e’ in gioco una vera e propria secessione.
Stanno facendo quello che predicava la Lega: “mai piu’ una lira a Roma”.
Lo stesso dicasi di chi emigra oggi, del professionista o della persona che ha degli skill ricercati. Mandi un CV via internet. Hai un primo colloquio telefonico. Anche un secondo. Prendi un aereo e vai a fare il colloquio personale. Arrivi, prendi un taxi e vai al colloquio. Ti aspettano.
Niente a che vedere con la debolezza del migrante.
Sei debole, si, ma non sei cosi’ debole. Hai scelto la nazione, hai gia’ parlato con qualcuno, se stai piu’ di un giorno andrai in albergo. Insomma, non e’ la stessa cosa. Manca ancora la situazione di totale debolezza, di nullita’, di totale scomparsa di qualsiasi importanza.
No, non siete come quelli di lampedusa. Anche perche’ questi vi CERCANO, come dipendenti. Paesi come la Germania ci stanno svecchiando la classe lavoratrice, coi nuovi arrivati.
E lo vedete quando li osservate.Se andate via dall’ Italia, conoscerete due tipi di italiano all’estero. Quelli che hanno fatto l’immigrazione, e quelli che hanno fatto la secessione.
Li riconoscete subito.
In quelli che sono immigrati via con la valigia di cartone e sole speranze, notate la nostalgia. La preghiera. Un parrucchiere siciliano mi ha chiesto “ma anche voi dal nord non vedete speranza?”. Era venuto via in tempi diversi.  E lui come tanti hanno la speranza di tornare, che il paese si rialzi, che torni ad essere rispettato. Questi italiani li riconoscete anche sugli autobus, sui treni: appena si sentono parlare a vicenda, si alzano, “sei italiano anche tu?”. Reduci di una condizione per cui conoscere qualcuno in piu’ significava avere una porta cui bussare in caso di necessita’.  Si vedono regolarmente, formano club, bar, associazioni. Io lo chiamo ghetto, ma ne percepisco benissimo l’antica finalita’ difensiva.
Poi ci sono quelli che hanno fatto la secessione personale. Quelli cui non dispiace se arriva il conto da pagare. Anzi, sono quelli che pensano che e’ giusto cosi’, che le nazioni ove si e’ tollerato troppo devono pagare. Quelli che non vedono speranza, ma nel vedere affondare i peggiori leggono le regole di una meritocrazia, che come tale premiera’ i migliori. In Italia e’ mancata per tanti anni la punizione , pensano, e adesso e’ arrivata. Li vedete nei tram e sugli autobus, che si ALLONTANANO quando sentono parlare italiano.  Fuggono dagli altri italiani. Non vogliono avere nostalgia, anzi, vorrebbero dimenticare. Se esistesse un paesino locale senza italiani ci andrebbero a vivere. Gente che non sopportava piu’ un modo di fare, un modo di essere.
Il mio parrucchiere italiano e’ qui da 35 anni. Non ha mai fatto l’esame di integrazione per avere il passaporto, anche se ha moglie e figli tedeschi. Lui e’ immigrato. Chi ha fatto la sua secessione personale, nelle stesse condizioni dopo 3 anni e mezzo e’ a fare l’esame.
vedete la distinzione tra i due gruppi quando si parla di politica. Se parlate con chi ha fatto secessione, trovate sempre uno che dice “ehi, non voglio che neanche una lira delle mie tasse vada a quei ciarlatani”. Quelli che sono immigrati, e hanno passato la vita a spedire i soldi a casa, non vi capiscono. Come non capiscono come mai io me ne sia andato pur avendo un lavoro ed una casa in Italia.  Cosi’ come non capiscono come mai se ne siano andati quelli che avevano un’azienda e sono venuti qui. C’e’ stata una cena di imprenditori italiani che hanno mosso le aziende a Düsseldorf, e c’era una hall piena. Migliaia. Gli immigrati non li capiscono: come, avevate un’azienda e siete venuti qui?
Perche’ non costa poco spostare un’azienda, e peraltro occorre chiudere i debiti, seno’ a spostarsi le banche ti saltano addosso come giaguari.
Quelli che hanno fatto la loro secessione personale, che hanno divorziato da un modo di fare, da un modo di essere, a queste riunioni di expat NON-CI-VANNO.  Parlano poco con altri italiani. E non vogliono che una sola lira delle loro tasse vada a Roma: potessero, voterebbero la Merkel non una, ma dieci volte.
Questo e’ il punto: quando si parla di expat si parla sempre e solo degli immigrati. Del resto, difficilmente chi ha fatto secessione si lasciera’ intervistare dalla tv, o rilasciera’ qualche dichiarazione ad un giornale.
Allora, forse dovreste iniziare a fare una distinzione: forse chi e’ immigrato via si sentira’ immedesimato nei disperati di Lampedusa. Forse si riconoscera’. Chi ha lasciato l’ Italia ed e’ arrivato con due stracci ed una valigia di cartone magari si sentira’ simile a loro nell’iniziale debolezza, e nell’assoluta mancanza di un punto di appoggio.
Potete aspettarvi che coloro che sono emigrati via si immedesimino nell’immigrato di Lampedusa.
Non potete aspettarvelo da chi ha fatto la sua secessione personale.
Uriel
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...