Gender, disforia, ancora.

di Uriel Fanelli

Dopo il primo post sulla questione del gender e della chiesa, ho percepito una certa curiosita’ a riguardo, ma anche una certa confusione a riguardo. Mi sembra che ci sia una certa voglia di truffare il pubblico sia da un lato (clericale) sia dall’altro.

Dunque, la “teoria del gender”.

Le teorie del gender, o teorie del genere sessuale (plurale) sono teorie che si sforzano di capire come origini l’identita’ sessuale delle persone. Considerano cis-qualcosa (maschio, femmina) un individuo ove in qualche modo “collimano” i seguenti tratti:

  • Genere sessuale cromosomico.
  • Caratteri sessuali secondari.
  • Caratteri estetici (abbigliamento, movenze, aspetto in generale)
  • Ruolo ricoperto nella societa (lavoro, famiglia, etc).

a seconda delle teorie, i layer possono essere solo 3, cinque, sette, e via dicendo. In generale, finche’ siete cis-qualcosa (maschio o femmina) , identificate come “maschile” o “femminile” ognuno di questi “layer”, in maniera coerente.

Molti studiosi inseriscono anche la libido nella lista, ovvero se qualcuno e’ attratto da persone dello stesso genere o del genere opposto, ma i contestatori (seguaci di altre teorie del genere) li mettono nei guai portando come esempio i bisessuali e i casi coi quali le persone transessuali cambiano sesso mantenendo i gusti sessuali di prima.

Lasciando perdere i dettagli specialistici, se siete maschi “cis” allora siete maschi riproduttivamente, avete tutti i caratteri secondari dei maschi, vestite e apparite come ci si aspetta da un maschio, rivestite i ruoli che la vostra societa’ assegna ai maschi. Lo stesso per le femmine “cis”.

Poi ci sono i casi di “trans-”

A quel punto arriva il problema della disforia di genere. La disforia di genere e’ un problema per il quale uno di questi layers (a seconda della teoria del genere in uso) non collima esattamente.

Questo fa del problema della disforia di genere un problema complesso.

Chiaramente, se non vi sta bene il ruolo economico (il lavoro) che la societa’ assegna al vostro genere, spesso non venite nemmeno definiti disforici. Non definiremmo disforiche le donne saudite che vogliono guidare l’auto, o le donne occidentali che chiedono la parita’, o le pari opportunita’.Un tempo i pregiudizi per una donna-fabbro sarebbero stati piu’ forti: le lesbiche “Buck” (quelle mascoline, insomma) sono ancora definite in Italia come “camioniste”, per fare un esempio di accoppiamento tra lavoro e genere sessuale.

Un uomo che voglia fare solo lavori femminili e avere solo ruoli femminili, rifiutando quelli maschili, forse sarebbe considerato disforico, o perlomeno “omosessuale” o “invertito” a seconda del posto. Quindi il layer “sociale” e’ relativamente “sfumato”, tranne quando per esempio si parlasse di sessualita’, ma in occidente la donna che ama dominare non e’ considerata disforica. In altri paesi, potrebbe succedere.

Se gia’ la disforia si manifesta in un layer successivo, nel campo dell’abbigliamento o delle movenze, finendo nel travestitismo, allora diventa molto piu’ semplice parlare di disforia, ma anche qui, e’ piu’ grave/evidente per un uomo che si vesta da donna che per una donna che si vesta da uomo. L’aspetto puramente femminile, cioe’, e’ piu’ segregato: una donna con giacca, cravatta e scarpe “da uomo” non viene neppure notata, il contrario invece spicca. Segno che l’abbigliamento femminile sia, appunto, “segregato”.

Il rifiuto di caratteri sessuali secondari (seno, fianchi per le donne oppure barba, peli , voce bassa, etc ) e’ gia’ considerato “cruciale” nella disforia e moltissimi percorsi per i/le trans si considerano terminati quando dai caratteri sessuali si passa a quelli primari, cioe’ dopo la cosiddetta “operazione”, che poi molti/e trans non vogliono praticare.

Questa e’ anche la richiesta del legislatore per constatare il “cambio di sesso”, che in molti paesi ha come riassegnazione la riassegnazione chirurgica.

Quindi, in definitiva:

-LE (plurale) teorie del gender sono in generale astrazioni scientifiche che studiano la generazione e l’attuazione del genere sessuale, considerato piu’ complesso del semplice concetto cromosomico.
-La “disforia di genere”, essendo un concetto che investe piu’ strati diversi, e’ un problema di gran lunga piu’ complesso di “operato/no” oppure “trans/cis”.

Chiarito che di certo non si insegnera’ ai bambini una materia specialistica universitaria, allora di che cosa si lamenta la chiesa quando dice che “vogliono insegnare ai bambini la teoria gender”?

C’e’ un unico punto delLE teorie del gender di cui la chiesa si lamenta.

Si lamenta del fatto che l’identita’ sessuale sia considerata molto piu’ complessa del fattore biologico.

Per quanto valga lamentarsi di una questione scientifica nel 2015.

Per demolire la convinzione che esista una “normalita’ cis-” basterebbe citare l’intersessualita’, fenomeno piu’ diffuso del noto, ovvero il caso di persone nate con organi sessuali di entrambi i sessi, piu’ o meno sviluppati. Il loro numero non e’ basso quanto si crede, e in genere nemmeno loro tendono alla prostituzione, e conosco casi in cui hanno trovato lavoro nell’ IT nonostante tutte le conseguenze psicologiche e sociali (e mediche) di questa condizione.

Tuttavia e’ ovvio non e’ questo che si insegnera’ ai bambini, in quanto e’ un argomento specialistico e come se non bastasse le teorie del genere sono TANTE e diverse. E poi ai cattolici non interessa la scuola, interessa la politica. Stessa cosa alla sinistra radicale che avversa i cattolici. Dobbiamo cercare questa “teoria del gender” nei meandri della politica.

Quella di cui hanno paura i politicanti e’, e deve essere, principalmente una teoria politica. Ed effettivamente esiste una teoria politica unificata e contingente al tema, che e’ la Queer Theory, che e’ una teoria politica fondata su scuole di pensiero politiche legate all’attivismo radicale.

Questa scuola, che non e’ una “teoria del gender” , usa alcuni concetti della teoria del gender (ovvero l’astrazione dell’ identita’ di genere dal semplice dato cromosomico) e ci costruisce sopra una teoria:

  1. Politica.
  2. Radicale.
  3. Rivendicativa.
  4. Rivoluzionaria.
  5. Decostruttivista.

Questa teoria, pero’, NON ha lo scopo che hanno di solito gli operatori specialisti che si occupano di teoria del genere. Nessuno tra i medici che aiutano Maya Posch andra’ mai a dirle che il suo e’ un problema di dialettica: questa ha sia organi maschili che organi femminili e sta cercando di capire che fare.

Di contrasto, secondo la Queer Theory pornografia e prostituzione sono considerate dalla teoria queer come rivendicazioni, e la stessa oscenita’ e’ considerata come una rivendicazione del diritto di espressione.

Per capire quanto sia la distanza, possiamo pensare che le transessuali si prostituiscono quando sono discriminate e non trovano lavoro. E molte sono anche costrette alla transessualita’ dalle condizioni di miseria ove crescono. In questa situazione, fare della prostituzione (che poche avevano chiesto o voluto) una piattaforma politica da rivendicare e’ come andare dai poveri e dire che la dieta e’ un loro diritto. Ok, i poveri fanno un sacco di dieta, ma e’ un diritto al cui “godimento” rinuncerebbero volentieri.

La persona che soffre di disforia di genere va da uno specialista perche’ vuole vivere una vita serena e positiva nonostante/grazie alla propria condizione. Non va (di solito) dallo specialista a chiedere di trovarsi tutte le notti a succhiare il cazzo ad un camionista bulgaro che non si lava da tre giorni.

Succhiare che invece per la teoria queer e’ un diritto fondamentale dell’individuo, insieme alla pornografia, al nudismo e a tutta una serie di altre cose: anzi, essendo una teoria decostruttivista, per la Teoria Queer non esiste nemmeno la disforia di genere, che e’ considerata una “mera dialettica”.

La gente che sta male e si suicida per una disforia di genere non viene tenuta in considerazione, dal momento che la teoria queer NON si pone il problema di aiutare scientificamente chi soffre un disagio di genere ma nasce da un gruppo , OUTRAGE!, che si limitava a difendere i propri comportamenti estremi con la teoria stessa.

Per quale motivo la Queer Theory e’ cosi’ estrema e si allontana dai desiderata e dai problemi reali?

La teoria queer viene dalla cultura rivoluzionaria della sinistra radicale. In questa teoria, qualsiasi disagio deve portare ad una tensione crescente che sfoci in una lotta, che poi prelude alla rivolta ed alla rivoluzione.

In questo senso, la teoria queer applaude chi al gay pride va a fare lo spettacolo considerato osceno: dal momento che crea fastidio, ovvero tensione, dal punto di vista della sinistra radicale porta scontro, dunque va nella direzione giusta. E questo nonostante nessuno dei colleghi gay che ho ci tenga tantissimo a girare in tanga e piume di struzzo per l’ufficio. Sicuramente possiamo dire che se volesse avrebbe il diritto di girare in tanga e piume di struzzo per l’ufficio, sino a quando il dress code aziendale non gli imponga il contrario. E non sto parlando di “morale”: sto parlando di un semplice dress code, e con questo voglio sottolineare la distanza tra il romantico ideale rivoluzionario dell’ottocento e la realta’ materiale odierna. Nel nostro secolo il problema non e’ se la morale ti consenta di fare questo o quello: ti potrebbe fermare un semplice “dress code”.

Perche’ la radicalizzazione?

La radicalizzazione di un movimento si verifica sempre in concomitanza con la sua perdita di consenso. Quando le istanze di un movimento sono vastamente condivise, per via dell’ MVT il partito tende al “moderato”. Quando perde consenso, vira verso il radicalismo: puo’ perdere consensi PERCHE’ tende al radicalismo, o puo’ tendere al radicalismo PERCHE’ perde consensi. Le due cose, pero’, appaiono quasi sempre insieme.

Il movimento LGBT perde consensi? Mah, diciamo che non e’ (piu’) esattamente cio’ che si dipinge.

Innanzitutto, e’ una balla la sigla: LGBT sarebbe per Lesbian, Gay, Bisex , Transex. Quindi vi fa pensare che dentro ci siano tutti , rappresenti tutti, tutti siano uguali. Una specie di fratellanza animata da unita’ di intenti.

Beh, no.

Sicuramente e’ il movimento dei Gay. La G ci sta tutta, visto che dominano la scena loro. Se resta qualche briciolo di potere, ma giusto qualche briciolo, allora arriva la L. Sottorappresentate, politicamente invisibili, socialmente effimere, le “L” sono appena appena presenti. Solo in alcune realta’ americane , di LGBT rimane “LG”. Altrimenti rimane solo “G”.

E la B e la T?

Non facciamo ridere i polli. Se ancora ancora le associazioni di transessuali mantengono QUALCHE relazione con il “lG” (la L e’ minuscola per sottolineare i rapporti di rappresentanza)e quindi dovrebbe perlomeno definirsi lG-T (l’asticella e’ d’obbligo per indicare distanza) , “B” sarebbe ora di scordarselo.

Certo, dentro i club gay ci sono molti “bicurious”. Ma questo significa pochissimo. Si tratta di persone che vogliono la serata diversa, un pochino porno, e domani torneranno alla vita di tutti i giorni.

Una piattaforma rivendicativa per i bisessuali non si e’ mai sentita, anche perche’ la Grande G nutre un grosso disprezzo per i bisessuali. La Grande G li considera come dei gay troppo codardi per ammetterlo, come dei traditori, se sono donne come “serve del patriarcato”, e non manchera’ mai la battuta dello Yeti: tutti dicono che esista ma nessuno ne ha mai incontrato uno davvero. YAWN.

L’altro motivo di radicalizzazione di ogni lettera di “LGBT” e’ la normalizzazione. Laddove e’ possibile vivere una vita accettabile, queste persone smettono di lottare. Dove e’ possibile avere una famiglia, non si rischia di perdere il lavoro , di perdere gli amici o di essere arrestati, molta gente smette di “lottare” ed inizia a vivere. Chi rimane nella lotta (perche’ magari era diventata una professione), ovviamente, si radicalizza.

I transessuali, ovvero quelli che soffrono di disforia di genere, poi, avendo esigenze mediche specifiche (terapie ormonali, chirurgia, etc) e un percorso personale molto duro, hanno le loro associazioni ed i loro circuiti.

Per questa ragione, il mondo LGBT militante deve radicalizzarsi, e quindi il successo della Queer Theory e’ piu’ alto.

  • Allora, quando vedo i cattolici combattere “la teoria del gender”, e la sento descrivere, ho la forte sensazione che si riferiscano in realta’ alla Queer Theory.
  • Quando vedo la sinistra rispondere per difendere la “teoria del gender” contro i cattolici, ho la stessa medesima impressione, ovvero che difendano la Queer Theory.

Lo dico perche’ tutti fanno riferimento ad una teoria del gender che contiene la libido, ovvero i gusti sessuali, cosa che nelle teorie del gender e’ molto, molto, molto controversa. Al contrario, nella Queer Theory, la libido e’ uno dei fattori fondanti.

Inoltre, la chiesa fa continui riferimenti al decostruttivismo tipico della teoria queer, na non tipico delle teorie del genere, e coerentemente contesta principalmente la riduzione dell’identita’ sessuale ad una mera dialettica: chiedete ad un tizio che si sottopone a chirurgia di riassegnamento quanto sia “dialettica” la perdita chirurgica di un organo, e potrete capire che tra le due cose ci passi una certa differenza.

Il mescolamento continuo tra l’orientamento della libido (omosessuale/eterosessuale) e l’identita’ sessuale (cis-trans) fa pensare che entrambi i movimenti stiano giocando con un gigantesco equivoco, ovvero quello di spacciare la Queer Theory per una teoria del gender, ovvero quello di spacciare la materia specialistica per un discorso politico, e viceversa.

Allora, bisogna capire che:

  • Le teorie del genere NON sono teorie politiche. Sono teorie che cercano di spiegare l’identita’ sessuale nel suo complesso biologico, comportamentale e sociale, complesso che prende il nome di “genere”.
  • La teoria Queer e’ una teoria POLITICA nata nell’ambito femminista/militante/omosessuale, e non si propone di investigare o spiegare nulla, visto che come tutte le teorie politiche radicali gia’ pretende di spiegare tutto.

Confondere le due cose e fare le crociate significa aver clamorosamente cannato, in modo che da un lato si veda una chiesa che lotta contro un mulino a vento (questa “teoria del gender” che si vorrebbe insegnare nelle scuole) e dall’altro la sinistra militante che difende un castello in aria, spacciandolo per “teoria del gender”.

In entrambi i casi, se si svelasse l’arcano e si mostrasse che si sta parlando della Queer Theory, si capirebbe che:

  • Non esiste la piu’ pallida possibilita’ che la si insegni nelle scuole elementari.Esiste 0% di probabilita’ che concetti come “decostruttivismo” vengano recepiti da un bambino.(i cattolici possono stare tranquilli)
  • Non esiste la piu’ pallida possibilita’ che, a livelli di consenso, la Queer Theory esca dai ranghi dello zero virgola qualcosa. (quindi la sinistra radicale puo’ smetterla di battere quel chiodo).

Il resto del compito , a volerla dire tutta, sta al legislatore. Ma due lotte contro i mulini a vento, una pro e una contro, non lo aiuteranno di certo.

di Uriel Fanelli

PS: questo pezzo e le altre magnifiche elargizioni di saggezza di Uriel sono analizzate su un altro blog degli Untermenschen che curano questo specchio.
PPS: pezzo automagicamente caricato da Fornello!

Annunci

13 pensieri su “Gender, disforia, ancora.

  1. Mi pare di aver capito che ci sia un movimento che teorizza la neutralita’ della mente umana al suo essere parte di un corpo maschile o femminile, come se fossimo dei computer montati su diversi tipi di carrozzerie. Questo e’ alla base di esperimenti tipo il far crescere dei bambini senza dirgli se sono maschi o femmine. Personalmente sono convinto che al netto di ogni differenza la gran parte degli esseri umani “panciasentire” uomo o donna, e non ha particolare bisogno di esplorare una confusione che fa parte dell’essere umano ma non di tutti gli esseri umani (magari la puo’ tenere nel radar, ma non e’ una cosa che serva nelle scuole materne).
    Quando pero’ la politica interferisce troppo nella formazione dei figli e’ naturale desiderio dei genitori di procurarsi una scuola che curi la formazione secondo i loro voleri.

    Mi piace

  2. Bel post. Si vede che studia su wikipedia. D’altra parte se studiasse davvero scriverebbe molto meno, perché approfondire tutto richiede tempo e fatica. E tutto possiamo chiedergli, tranne di rinunciare al suo ruolo di Sgarbi 2.0.
    Comunque sono d’accordo in generale sull ‘approccio complessitá scientifica vs semplificazione politica, al netto della farloccata sul radicalismo cattivo (ma non apprezzava tanto Pannella?). Poi se le teorie del genere si oppongano davvero alla Queer theory da questo punto di vista, solo qualcuno che non studia su wikipedia puó aiutarmi a verificarlo. Peró vivo anche senza eh, ho tante disforie ma quella di genere mi manca.
    Peró la chicca del pezzo sta in questa frase: “conosco casi in cui hanno trovato lavoro nell’ IT nonostante tutte le conseguenze psicologiche e sociali (e mediche) di questa condizione.”
    Addirittura nell’IT! Allora é proprio vero che il mondo del lavoro IT é totalmente AVANTI, culla dei diritti, brodo primordiale del transumano. Strano, sono piú di 7 anni che lavoro nell’IT e mi sembra un mondo di merda come gli altri…

    Mi piace

    • La parte riguardo il radicalismo cattivo è abbastanza condivisibile, secondo me, la questione riguardo il non-riconoscimento della disforia come una condizione reali nei circoli più radicali è una cosa reale, avendo avuto a che fare con gente del genere più volte. Onestamente in tutto l’articolo non mi pare ci sia tutta sta disinformazione, molto verboso come al solito, ed è tutta roba che uno trova da solo con una ricerchina su google, ma onestamente risulta solo un articolo che non dice nulla di nuovo, ma manco di veramente sbagliato.

      Mi piace

  3. Parla di cose di cui non ha la minima esperienza personale e di cui ha letto in modo superficiale, come sempre, cercando solo le parti che confermano i suoi preconcetti del momento. Di qui emerge la tipica mistura di verità, mezze verità, imprecisioni e assurdità che è in genere contenuta nei suoi scritti.

    Liked by 1 persona

      • Ma é bellissimo! C’é giá il 70% dell’Uriel di oggi (esclusa politica ed economia, che personalmente sono i temi che mi interessano di meno): mitologia, genetica, logica, fantascienza, corporeitá.
        Sondaggio:
        – nel 2005 era ancora una persona che aveva sofferto molto ma manteneva un certo equilibrio mentale che ormai é completamente andato
        – scriveva senza insultare perché il forum non era suo
        – sua moglie é in realtá suo marito (questa é stronza lo so ma mai come lui quando insulta il mondo)
        sembra che argomentasse con cognizione di causa ma scavando un poco risulta chiaro che anche allora le sue fonti erano principalmente wikipedia
        – non me ne frega un cazzo di questo sondaggio. Ti banno e mi scopo tua madre nel culo. O forse era tuo padre.

        Mi piace

        • Quel poco di sanità mentale che aveva l’ha persa del tutto nel 2004, quando il nick è passato da Lev a Vuk Zlatan a Uriel.

          E a proposito del thread su metaforum dirò di Uriel quel che il mio non a caso Jules Verne sosteneva (ingiustamente) inorridito a proposito di H.G. Wells: “Il invente!”

          Mi piace

          • Mah, nel periodo di Usenet negli anni ’90 era uno sbroccato uguale. Con post che generalmente fondevano wicca/stregoneria, informatica/matematica delirante e libertinismo sessuale fluido. La differenza è che non si dava arie da superuomo supercompetente reazionario come ha iniziato a fare dopo. Con wolfstep su splinder e soprattutto wolfstep.cc si è rifatto la verginità scordandosi le parti più irrazionali, sposando un’ossessione scientista/darwinista, e dandoci giù pesante con le visioni apocalittiche. quindi anche se il pg di superman tuttologo misantropo profeta apocalittico è roba relativamente recente, non è che prima fosse a posto, era solo meno stronzo e gonfiato.

            Mi piace

  4. Nessuna esperienza personale? Ah, se solo i privé di Ferrara potessero parlare! Vabbé, attenderemo fiduciosi il responso dell’oracolo IA. Nel frattempo, consiglio di vivere ogni secondo come se fosse l’ultimo, perché nel preciso instante in cui IA ci desse torto potremmo scomparire per sempre dall’esist

    Mi piace

  5. Condivido con te una certa antipatia per il radicalismo, ivi inclusa la queer theory. Hai anche ragione sul fatto che la “teoria gender” di cui parla la Chiesa somiglia più alla queer theory che agli studi di genere; ma questo è ovvio, si tratta di una strawman: più facile criticare la queer theory che le rivendicazioni politiche di natura assai meno “rivoluzionaria” del movimento LGBT odierno.
    Perà stai sopravvalutando il consenso che la QT ha presso il mondo LGBT. Non conosco praticamente nessuno che la adotti, e di gay ne conosco a dozzine ormai, peraltro anche all’interno delle associazioni. Non è insegnata nei corsi di formazione, non è creduta dai volontari, figuriamoci se ci crede l’omosessuale medio. Essenzialmente la QT piace soprattutto ad alcuni ex sessantottini, ma presso le giovani leve non è particolarmente diffusa, per non dire che è una salma.
    Riguardo alla discriminazione dei bisessuali da parte dei gay, esiste. Ma non è assolutamente avallata dalle associazioni. E d’altro canto, il bisessuale si avvicina al “queer” molto di più dell’omosessuale, come modo di essere, quindi non avrebbe senso se, come dici tu, le associazioni LGBT sostenessero la QT e poi se la prendessero coi bisessuali.

    E’ vero che alcuni intellettuali LGBT difendono la queer theory quando si difendono contro gli attacchi della destra cattolica. Personalmente, lo ritengo un errore comunicativo, perché avalla quelle stesse paure che gli integralisti attizzano … Ma cerco di non parlarne più di tanto perché preferisco sempre evitare la guerra aperta con gli estremisti. Come dici tu, numericamente sono inconsistenti, dargli risalto significa fare un favore a chi ci attacca.

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...