Böse 2015-11-22

loweel2015-11-22 10:06 Again, you are trying to escape reality. There is no evidence any of the terrorist in paris had even seen a bomb in their life. All of them, and their families, were living in Belgium and France. So you cannot claim any relationship between bombing and terrorism. Lot of them are from Marocco. Was marocco bombed? Uhm… no. Stop using words against logics: there is no evidence bombing a country will produce terrorism, neither that terrorists are from bombed countries. And the fact raids are killing more civilians than soldiers is 100% normal. Any war on this planet has killed more civilians than soldiers. Ever. Try to mention a war which killed more soldiers than civilians, please. Show facts. Wikipedia is your friend. This war has nothing different than any other war. Ah, just for your information: terrorism is killing more civilians than soldiers. Being, honest, I would say terrorism is killing JUST civilians. Then, still war is much better than terrorism.
New comment by loweel


2015-11-22 09:46 First, stop freaking out. Just go to facts, again: take ANY war you like, the one run "manually" (IIWW, Vietnam, Korea…) and do a body count. And you will see ~20 civilians died for each soldier. Here your bullets are going, that’s it. Just enter wikipedia and do a body count. Second, about "surgery precision" in war, how many examples, how much FACTS you have to show? The bigger example of "surgery precision" in war is the Israel IDF, which still kills much more civilians than enemies. Again, look at the ratio. Look at facts and results. Another example of "surgery bombing" with no drones? Uhm… we have IRAQ 1 and Chechenya. Look at the amount ok soldiers killed and the amount of civilians died, and you see your "precision". And you will see still drones are more precise than anything else we had and we have. Which is not surprising, since, in terms of FACTS, the tecnology a drone is using is the same build on aircrafts, and more or less the same on cruise missiles. There is no bloody reason a drone is less precise than an aircraft: in both cases, the pilots are looking at the enemy using a camera. There is no human which can see the enemy at 10.000m in the sky, so a bomber is nothing but a drone carrying a pilot. Sorry for you, you just drink the show the Pentagon invented during IRAQ 1: we are precise, we don’t kill civilians. Result of IRAQ 1: https://boseburo.ddns.net/fnord/url/1152 . Look at the numbers: dead iraqi soldiers 7.600-10.800 . Dead iraqi CIVILIANS: 733 000-1 446 000. This is the "surgery precision". Still, drones are MUCH better. And those are numbers, and facts.
New comment by loweel


2015-11-21 23:21 Glaucus Atlanticus https://boseburo.ddns.net/fnord/attachment/1144
New note by loweel


2015-11-21 23:08 Pokemum !art http://www.soasig-chamaillard.com/pokemum https://boseburo.ddns.net/fnord/attachment/1143
New note by loweel


2015-11-21 23:05 Jeans Marie (goes pop !art) !art (Artist here: http://www.soasig-chamaillard.com/jeans-marie ) https://boseburo.ddns.net/fnord/attachment/1140
New note by loweel


2015-11-21 23:04 Capitan Marie goes pop !art https://boseburo.ddns.net/fnord/attachment/1139
New note by loweel


2015-11-21 23:01 LOL https://boseburo.ddns.net/fnord/attachment/1138
New note by loweel


2015-11-21 22:50 When people starts talking about "protecting your privacy in the mobile network" , I see so much bullshit. Just study the basics of a GSM network, guys. You C-A-N-N-O-T have privacy when using a cell phone.
New note by loweel


2015-11-21 22:19 A bit skeptic on that, sorry. It can encrypt the payload of the message, but the remaining part of the PDU is containing enough metadata (A number, B number, NPI, TON, Encoding, Timestamp, Validity Period, Regdel, and so) that at the end you are saving the secrecy of the content, not "your privacy". And considering HLR and VLR are aware of your position in the very moment you send the message, what is exactly the "privacy" you are protecting? I think giving a false sense of security is not good…
New comment by loweel


2015-11-21 22:11 Bug Fixed in tribes: https://github.com/uriel-fanelli/tribes (A bug prevented to have groups with "_" in the name. Thanks for reporting.)
New note by loweel


2015-11-21 21:43 Is there a place, like , "isis-proof"?
New comment by loweel


2015-11-21 20:12 Napolislam, the movie nobody will ever see.
Censorship in Italy after Paris: first movie banned from Cinemas.


2015-11-21 20:10 (OFFICIAL MUSIC VIDEO)
DEATHSTARS – Virtue To Vice


2015-11-21 19:18 The Temptation of St. Anthony, 1946 Dali !art https://boseburo.ddns.net/fnord/attachment/1128
New note by loweel


2015-11-21 19:17 Cygnes Reflectants des Elephants, Dali !art https://boseburo.ddns.net/fnord/attachment/1127
New note by loweel


2015-11-21 19:16 Dali (Moma). !art https://boseburo.ddns.net/fnord/attachment/1126
New note by loweel


2015-11-21 18:59 The hit ratio of an Assault Rifle is more or less one enemy each 300 bullets. Given a soldier is usually aiming at somebody when shooting, you can imagine how good this is for civilians. Now, given those numbers, saying "drones are killing civilians 80% of time", means they incredibly efficient and life-saving. As usual, when showing numbers, you should also provide comparisons. https://boseburo.ddns.net/fnord/attachment/1123
New note by loweel


2015-11-21 18:51 Any kind of war mainly kills civilians, not only drones. This figures are almost the same in any kind of war, drone or not. https://boseburo.ddns.net/fnord/attachment/1123
New comment by loweel


2015-11-21 18:49 No, my mindset is about science. Which means "hard facts". I can post a list of heavily bombed countries, cities and peoples which has never produced a single terrorist. The theory which says "bombing will produce terrorism" is proven false , just by the IIWW. So I accept everything but it needs to be supported by facts. Btw, none of the people which did the attacks in Paris has even seen a bomb: they were grown in France and Belgium. I will never support the use of speech against logic, neither the use of theory against facts.
New comment by loweel


2015-11-21 18:45 Have you tried to do meads? Just water, and honey… is amazing!
New comment by loweel


  • PS: questo pezzo e le altre magnifiche elargizioni di saggezza di Uriel Fanelli LowEel sono analizzate su un altro blog degli Untermenschen che curano questo specchio.
  • PPS: pezzo automagicamente caricato da Fornello! Se sembra frammentario è il bello dei microblog, bellezza! E mancano le foto sì; d’altronde non è che potete pretendere granchè da uno scriptino buttato giù in fretta e furia…

Annunci

115 pensieri su “Böse 2015-11-22

      • Perché se ci provano li schiacciano. E siccome sotto sotto son dei codardi si guardano bene da attaccare qualcuno troppo forte. ☺ Poi oh, io mica sono un consulente strategico magari son davvero pedine dil GomBlotto plutogiudomassonico

        Mi piace

        • e i russi non son abbastnaza forti per l’isis? e gli israeliani non si sentono minacciati da dei musulmani cosi feroci visto che si sentono minacciati da hamas? dici che preferiscono aspettare che formino il loro califfato prima di allarmarsi?

          Mi piace

            • beh israele ha le risorse belliche necessarie per reagire contro isis e solitamente quando avverte una minaccia non è che aspetti granche il consenso internazionale per reagire (tanto piu che oramai tutto il mondo occidentale è allarmato dall’isis). ma anche senza prendere l’iniziativa potrebbe candidarsi per partecipare ad una azione comune e coordinata contro isis. eppure non mi pare si pongano il problema. che israele riesca a convivere con l’idea di feroci terroristi musulmani armati fino ai denti cosi vicini ai loro confini (sicuramente piu dell’iran), mi sorprende un pochino, diciamo.

              Mi piace

              • Forse dovresti capire che l’ISIS non e cosi’ diverso da Hamas, militarmente, e per Israele non e’ un problema convivere con Hamas a Gaza o Hezbollah nel Libano, e dargli qualche batosta se esagera. Si chiama strategia di contenimento.
                Ci sono questi altri punti che non tutti tengono presente
                -Israele e’ una democrazia; i generali sono laburisti; i laburisti sono all’opposizione (guarda per esempio il casino che fanno contro la Nirenstein ambasciatrice in Italia)
                gli americani non vedono l’ora di buttare giu’ Netanyahu e di sostituirlo con un governo laburista. Se poi i laburisti possano veramente organizzare lo sgombero dei territori (che e’ quello che chiede l’ONU) io non ci giurerei, ma i Democratici americani ci credono.
                Per ora, Netanyahu sta dicendo al mondo intero, e agli elettori americani, che serve tenere i territori perche’ i territori comprendono il Golan, che confina con la Siria e che fa da base per qualche gruppo anti-ISIS (ma anche anti-russo, ovvero anti-Assad).

                Mi piace

                • Per ora non vanno d’accordo. Potrebbero andare d’accordo domani, se Hamas si trovasse senza sponsor. Cerca di metterti nei panni di un terrorista di Hamas (o dell’OLP dieci anni fa).
                  Se cade il tuo governo, o peggio fa pace con Israele, tu che fai? Che possibilita’ di lavoro hai? Vai con il migliore datore di lavoro, per continuare a fare l’unica cosa che sai fare. E questo datore di lavoro potrebbe essere l’ISIS (che non si e’ fatto problemi a reclutare l’ex esercito del laico e baaathista Saddam)
                  Non stiamo parlando di partiti politici. Stiamo parlando di clan, di societa’ tribali.

                  Mi piace

                    • Credo di aver sentito anch’io una cosa del genere, Devo averla rubricata nella colonna del: solito casino arabo. “Non fate abbastanza contro Israele” e’ una classica accusa da quelle parti. Immagino la tirino fuori anche per chiedere lo sconto quando fanno la spesa, o nelle cause per abuso edilizio.
                      Comunque, esattamente in questo momento, mi e’ venuto in mente che nel Sinai si e’ parlato di fondamentalisti, si sono viste bandiere, ma non di ISIS. E il Sinai e’ egiziano. Ma ci girano i beduini, che si fanno i cazzi loro, ma qualche protezione israeliana ce l’hanno. Forse qualche scontro con l’ISIS li’ e’ gia’ avvenuto, ecco. Stroncati sul nascere.

                      Mi piace

              • Dimenticavo. L’Iran non e’ un problema perche’ minaccia Israele. Potrebbe minacciarlo con l’atomica ma e’ di la’ da venire. L’Iran e’ un problema per il mondo intero perche’ minaccia Israele finanziando e sostenendo Hezbollah, Hamas e varie bande di terroristi in giro per il mondo (vedi attentato in Argentina nel 1994, in Bulgaria nel 1912).

                Mi piace

          • Il problema che sollevi è abbastanza intricato Anacleto. Vediamo di rispondere punto per punto.

            perche isis non attacca israele?

            Perché non ha il potere militare per farlo. Sebbene l’Isis venga descritto come un Moloch invincibile, nella realtà dei fatti il Califfato è sulla difensiva da parecchi mesi. Curdi e Iraqeni attaccano da nord ed est, russi, hezbollah (leggi iran) e siriani invece premono da ovest e sud.
            Attaccare Israele vorrebbe dire
            1.Mettere a bada – in qualche modo- le precedenti forze-
            2.Riuscire a creare un contingente capace di irrompere sulla piana di Damasco e conquistare la capitale.
            3.Riuscire a fare tutto questo senza perdere la metà degli uomini e mezzi dai bombardamenti.

            Una volta fatto tutto questo l’Isis per attaccare Israele dovrebbe superare l’irrilevante ostacolo delle Alture del Golan. Irrilevante se sei dalla parte giusta della frontiera.
            E c’è da considerare la prevedibile offensiva giordana una volta che Damasco cada per davvero…
            Insomma, tra dire e il fare…

            gli israeliani non si sentono minacciati da dei musulmani cosi feroci visto che si sentono minacciati da hamas?

            Esempio errato.
            Hamas è una CONCRETA minaccia alla sicurezza nazionale israeliana. Hezbollah anche. L’Isis è solo un’ipotesi. Perché? Cosa c’è di diverso? I primi due hanno l’armamento e la vicinanza geografica necessaria per essere un vero pericolo. L’Isis manca di entrambi i requisiti…e questo tanto basta per stare a guardare.

            beh israele ha le risorse belliche necessarie per reagire contro isis

            Dici benissimo qui: per reagire.
            Israele è specializzato nelle operazioni militari di breve durata e di altissima intensità. Meglio ancora se difensive o comunque con linee di rifornimento cortissime. Ma come andrebbero le cose in una guerra di logoramento, di lunga durata e fluida sul terreno? Quale generale consiglierebbe al proprio governo un’impresa del genere? Meglio osservare e prepararsi, almeno finché non si è direttamente minacciati o si crei un’opportunità sul campo rilevante.

            ma anche senza prendere l’iniziativa potrebbe candidarsi per partecipare ad una azione comune e coordinata contro isis.

            1.Dai per scontato che gli altri accetterebbero l’aiuto israeliano. Gli arabi sono piuttosto suscettibili sull’argomento.
            2.Partecipo alla coalizione internazionale. Vantaggi ?
            -Battere l’Isis elimina qualche pericolo per Israele? Rende i suoi confini più sicuri? No.
            In futuro…chissà…forse…ma…se…
            -Politicamente che ottengo?
            *Se mi schiero con la coalizione USA, irrito Russia e Iran (con prevedibile risposta di Hamas e Hezbollah). In più sarò costretto ad ingollare un futuro cambio della guardia ai vertici della Siria. E vedendo che grandi uomini di stato sono emersi dai cambi di regime made in usa non sarei così ansioso di gettare via l’usato garantito.
            Ben inteso: Assad era una spina nel fianco di Israele ma nel bene o nel male le armi sulla frontiera del Golan tacciano da parecchi anni.
            *Se mi schiero con la Russia e appoggio Assad riesco a far infuriare gli USA e lascio il sudicione al suo posto,in un quadro devastante per la mia sicurezza: il cosiddetto asse sciita (Siria-Iraq sciita-Iran). L’ideale per imbottire di armi e denaro Hezbollah.

            Insomma. Non è una decisione AFFATTO semplice. E francamente la linea di non intervento di Israele è più che comprensibile.

            Liked by 1 persona

            • Elan grazie per tutte le spiegazioni. Che mi sembrano ragionevoli.
              Pero Isis si trova sulla difensiva solo ora. Inoltre isis, lo abbiamo visto, puo attaccare paesi nemici anche con azioni terroristiche a distanza e in israele abitano piu di un milione di musulmani.
              Inoltre non sono sicuro che Israele sia capace di reagire solo con azioni militari del tipo indicato da te. c’è tutta una letteratura riguardo ad operazioni false flag, colpi compiuti dalla mossad, e operazioni militari a distanza (tipo in yemen). Poi la Giordania (è uno dei paesi sospettati di fornire supporto a Isis)
              Inoltre nahum ha gia suggerito che Israele puo per ragioni di convenienza negoziare con questo e con quello di nascosto (BTW, se si ammette questo, non si sta gia spezzando una lancia a favore dei complottisti?)

              Mi piace

              • Pero Isis si trova sulla difensiva solo ora.

                Vero, ma il discorso non cambia.
                Ricontrolla i pro e contro di un intervento aggiungendo all’equazione: “avversario feroce sulla cresta dell’onda”. Si capisce perché gli israeliani hanno deciso che morire per Assad non ne vale proprio la pena.

                noltre isis, lo abbiamo visto, puo attaccare paesi nemici anche con azioni terroristiche a distanza

                L’Isis non ha attaccato nessuno.
                Un gruppo di cittadini di una nazione (la Francia) ha aderito agli ideali dell’Isis e hanno agito sotto il suo capello (e con la borsa dei suoi finanziatori).
                Quello che voglio dire è che gli autori del massacro di Charlie Hebdo erano francesi, non siriani. Così come erano francesi – e non siriani- la maggior parte dei membri del commando del Bataclan.
                Erano più bravi i palestinesi negli anni ’70, che infiltravano gruppi armati un po’ ovunque a far casino.

                e in israele abitano piu di un milione di musulmani.

                Già, con percentuali molto superiori a Francia e UK.
                Eppure la radicalizzazione è notevolmente inferiore. Come mai? Forse perché in fondo gli arabi-israeliani non sono così discriminati come una certa narrazione vuole far credere. O forse perché guardandosi attorno, preferiscono vivere con gli ebrei piuttosto che nel solito merdaio “deserto & kalashnikov”

                Inoltre non sono sicuro che Israele sia capace di reagire solo con azioni militari del tipo indicato da te. c’è tutta una letteratura riguardo ad operazioni false flag, colpi compiuti dalla mossad, e operazioni militari a distanza (tipo in yemen).

                Quelle da te citate sono tutte operazioni mirate e molto circostanziate…come è giusto che sia per un’agenzia d’intelligence quale è il Mossad.
                Ben differente è il contesto di una guerra di più ampio respiro contro l’Isis.

                Poi la Giordania (è uno dei paesi sospettati di fornire supporto a Isis)

                Chi è senza peccato scagli la prima pietra 😀

                Ma noi stavamo ragionando su un’eventuale invasione della piana di Damasco. 😉

                Inoltre nahum ha gia suggerito che Israele puo per ragioni di convenienza negoziare con questo e con quello di nascosto (BTW, se si ammette questo, non si sta gia spezzando una lancia a favore dei complottisti?)

                Perché?
                Facendo un’analisi del campo abbiamo già concluso che mi conviene rimanere a guardare. Vengono una serie di paesi arabi a chiedermi..toh…di rimanere a guardare. Che faccio, dico di no? LOL
                In più aiuto gli amici curdi che siedono su un mare di petrolio e che un giorno potrebbero ricordarsi dei cari vecchi amici israeliani che li hanno aiutati e sostenuti (con discrezione) nel momento del bisogno.

                Quindi? Perché pensare ad una complotto? Io vedo solo una serie di opportunità colte da Israele:
                -Evitare di finire in un pantano
                -Vedere lo spettro dell’Asse sciita allontanarsi (per il momento)
                -Accontentare il vicinato con il minimo sforzo
                -Aiutare un alleato (i curdi) senza far impazzire di rabbia Turchia e Iraq

                Un saluto.

                Liked by 1 persona

                • L’Isis non ha attaccato nessuno.
                  gli attentati sono stati di rivendicati dall’isis e compiuta da gente che ha o si sospetta abbia combattuto per l’isis, o sia stata addestrata istruita dall’isis in siria. la nazionalita non mi pare sia un punto decisivo per stabilire se è l’isis o no ad attaccare, ma ideali, finanziamento, addestramento credo lo siano, anche perche l’isis è popolato di foreign fighters. del resto se non fosse l’isis il mandante, come si spiegherebbero le rappresaglie francesi contro isis in siria?

                  si posso comprendere gli argomenti che hai esposto. ma insomma per le stesse ragioni perche allora israele non dovrebbe scegliere come strategia razionale supportare isis contro assad o contro l’iran o contro hamas? e qui si arriva al punto, riguardo al complottismo: dove ciascuno per una ragione o un’altra persegue una sua agenda di mosse e contromosse, e accordi ufficiosi, rinnegati ufficialmente, insomma alleanze ambigue sottobanco, dove le fonti di informazioni sono confuse, contraddette, e le parti in gioco si screditano a vicenda, che senso ha accusare qualcuno di complottismo per il solo fatto di immaginarsi possibili o eventuali strategie? cosa appunto che a me pare stiamo tutti facendo. tu incluso.

                  Mi piace

                  • ma insomma per le stesse ragioni perche allora israele non dovrebbe scegliere come strategia razionale supportare isis contro assad o contro l’iran o contro hamas?

                    Seriamente?
                    Credi davvero che una simile operazione sarebbe politicamente accettata dall’opinione pubblica israeliana?
                    Credi davvero che un simile supporto sia accettato con un sorriso dai partner internazionali? In un momento del genere?
                    Sarebbe una follia da parte d’Israele. Un suicidio. Una linea d’azione in cui gli svantaggi (rischio di isolamento internazionale + ritorsioni + perdita di consenso interno+ dio solo sa cosa) sono DECISAMENTE superiori ai vantaggi….vantaggi che si sono ottenuti UGUALMENTE senza muovere un muscolo.

                    e qui si arriva al punto, riguardo al complottismo: dove ciascuno per una ragione o un’altra persegue una sua agenda di mosse e contromosse, e accordi ufficiosi, rinnegati ufficialmente, insomma alleanze ambigue sottobanco, dove le fonti di informazioni sono confuse, contraddette, e le parti in gioco si screditano a vicenda, che senso ha accusare qualcuno di complottismo per il solo fatto di immaginarsi possibili o eventuali strategie? cosa appunto che a me pare stiamo tutti facendo. tu incluso.

                    Non buttarla in caciara,suvvia.

                    Mi piace

                    • Non buttarla in caciara,suvvia.
                      nella caciara ci troviamo. non sono io che mi ci butto. hai da citare fonti universalmente credibili?
                      ho letto giornalisti che sostengono l’isis sia finanziato e armato da usa e israele, altri parlano di arabia saudita e turchia, altri ancora da assad e iran, altri da europei (francia e italia inclusa)! putin parla di 40 stati, tra cui membri del G20, che finanziano isis! Ogni parte ha il suo interesse in gioco e nessuno si fida di nessuno (es. Netanyahu si fida di Obama?) e i cambi di alleanza possono essere frequenti e/o imprevedibili (vedi america e iran contro isis, alqaeda contro isis).
                      l’america sosteneva alquaeda quando doveva combattere l’urss, e poi alquaeda gli si ribella.
                      l’america sosteneva saddam hussein quando doveva combattere l’iran, e poi saddam gli si ribella
                      l’america e israele sono contro assad e il contro l’iran di iraq e siria da parte dell’iran (tra l’altro regione in cui si vorrebbe far passare l’oleodotti diretti per il mediterraneo), perche mai non converrebbe a entrambi finanziare e armare dei pazzi che vanno contro gli sciiti sostenuti dall’iran? esattamente lo stesso problema che hanno in yemen, dove israele si sostiene abbia contribuito a sosegno dei sauditi.
                      io non sarei sicuro a priori che l’opinione pubblica israeliana sia sempre al corrente di quanto fa il suo governo su regioni remote e in nome della sicurezza nazionale, in casi di emergenza quante verita possono restare coperte da segreto di stato.
                      ripeto capisco tutti i tuoi ragionamenti (che tra l’altro fanno eco agli articoli che ho letto sulla stampa israeliana) e ti ringrazio.
                      il mio interesse nello scambio sta appunto nel capire i vari punti di vista, i vari interessi in gioco, le fonti di riferimento e come si ragiona.
                      le conclusioni le lascio a chi se la sente di sostenerle. tutto qui.

                      Mi piace

      • In realta’ tra gli arabi insraeliani qualche bandiera dell’ISIS comincia a vedersi, e temo sia solo questione di tempo.
        Bisogna tenere presente che le forze siriane anti-ISIS sono curde, e che due o tre fazioni curde sono filo-israeliane. Credo insomma che qualche appoggio militare ci sia, ma e’ molto probabile che diversi Paesi arabi (come all’epoca della Guerra del Golfo) abbiano chiesto a Israele di non partecipare in maniera massiccia ed esplicita. Questo perche’ ogni governante arabo che ammette di allearsi con Israele rischia di fare la fine di Sadat
        E fino a qui ti ho trattato in maniera seria. Se sei un complottista ovviamente non posso accontentarti. Attento che pero’ posso trovarti e portarti a Gerusalemme dove verrai processato per antisemitismo.
        Aha, Isn’t it.

        Liked by 1 persona

          • Un esempio e’ l’Egitto. Sadat ha pagato con la vita aver firmato la pace con l’Egitto. Quello che voglio dire e’ che se anche Israele scendesse in campo contro l’ISIS al fianco di tutti quei Paesi che adesso dell’ISIS hanno paura (e ci metto pure parte dei sauditi, per esempio) dovrebbe farlo molto sottotono, perche’ gli integralisti islamici c.d. “moderati”, o la famosa piazza araba diventerebbe un problema

            Liked by 1 persona

      • beh, che domandona…è ovvio: perchè l’isis non ha mai minacciato usraele. perchè usraele dovrebbe attaccarlo? che lo attacchino coloro che dall’isis sono stati minacciati, ovvero praticamente tutto il mondo.

        di conseguenza mi sembra ovvio che l’isis non rappresenta una minaccia per usraele.

        (scusate ho la tastiera piccola)

        Mi piace

            • tu sei serio. io sono logico:
              1. hai detto “perchè l’isis non ha mai minacciato usraele.” e ti ho provato che è falso.
              2. poi hai tu stesso suggerito “che lo attacchino coloro che dall’isis sono stati minacciati” e israele è stato appunto minacciato dall’isis.
              3. poi affermi “io intendevo delle minaccie serie, tipo l”iran”, per la verita nemmeno hamas è una seria minaccia per israele eppure non è che israele si trattenga dal dargli una lezione quando serve. poi a me pare che l’isis non sia una seria minaccia per russia e francia eppure questo non gli impedisce di intervenire. che cosa uno percepisca come minaccia o meno dipende dagli interessi in gioco in quell’area.

              Mi piace

                • hai ragione. ma la mia replica era una obiezione all’idea che una minaccia seria per israele è l’iran. non isis. quasi che il problema fosse una questione di capacita militare.
                  le capacita militari di hamas saranno tali da creare problemi non lo dubito da indurre israele a reagire (del resto anche la francia lo ha fatto, mi pare per danni inferiori credo a quelli che israele ha subito da hamas no?). ma niente di comparabile a quello che israele puo fare a hamas.
                  poi ribadisco il punto isis puo essere una minaccia o meno (o anche una opportunita!) in funzione degli interessi delle potenze regionali (tra cui israele) e internazionali.

                  Mi piace

              • Mi intrometto anch’io nella discussione. Tutti si chiedono perchè l’Isis non attacca usraele. Se è per questo non mi pare abbiano attaccato neanche ursairan e ursalibano.

                Come mai? Perchè la ggente non si fa queste domande?

                Liked by 1 persona

                • isis ha problemi con gli sciiti in iraq e in siria (zona di interessi geostrategici e petroliferi). e l’iran è in prima linea a combattere contro isis e a dare supporto ad assad (esattamente come darebbe supporto agli yemeniti contro le ingerenze dell’arabia saudita, e li ci sono sospetti che israele sia intervenuta a favore dei sauditi (*)). anzi una delle chiavi di lettura geopolitiche di fondo che spiegherebbe l’esistenza di isis è per impedire all’iran di prendere controllo dell’iraq, e far leva sull’alleanza di assad.

                  (*)
                  http://sputniknews.com/middleeast/20150526/1022574759.html

                  Mi piace

                    • buon per te che hai capacita urieliche di distinguere i farlocchi a volo di piccione.
                      io siccome non ne sono capace ragiono su quello che trovo. per caso tu fai diversamente?
                      infine saresti in grando di darmi dai delle fonti che siano disinteressate?

                      Mi piace

                    • No cos’hai capito, la mia è una celia. Non lo sò se sia davvero farlocco, ma il nome fa tanto comunista nostalgico e poi di questi tempi a mettere l’etichetta di farlocco di default spesso si azzecca… ☺

                      Mi piace

                  • Che sia in prima linea è un conto, che venga attaccato è un altro conto. Io infatti ho chiesto perchè non lo attaccano l’Iran, a casa sua, a maggior ragione dovrebbero farlo visto che sono un argine ai loro progetti in Iraq, no? 😉

                    Mi piace

                    • Mike, ho letto il tuo commento come una replica alla mia domanda, sbaglio? se cosi è, ecco qualche chiarimento:
                      – magari molti si pongono la domanda che mi pongo io, ma non so quanti di questi possano rivolgerla a interlocutori tipo nahum (che è ebreo e conosce o ha vissuto in israele, se non sbaglio). per me è la prima volta, per cui volevo approfittarne immaginando che lui potesse avere una risposta diversa da quelle che sono abituato a leggere. e cosi è in effetti. inoltre le domande che mi pongo io, non impediscono certo a te di porne altre. è l’intento polemico, semmai ci fosse stato, che trovo pretestuoso.
                      – entrando nel merito delle tue domane, esse suggeriscono un paragone interessante nella misura in cui mettono ancora piu in luce le asimmetrie di interessi e risorse delle parti in gioco in quel luogo. per russia e iran, l'”attacco” di isis è attacco alle loro aree di interesse. E rispetto a cio, tanto iran quanto russia reagiscono. Per contro Israele ha interessi opposti a Iran e Russi come fatto notare da killerclown, per cui ISIS potrebbe essere funzionale agli interessi di Israele (è sufficiente per israele stare a guardare, come sostiene elan e raffaele, perche fanno tutto da se, oppure magari israele potrebbe cercare di intervenire per permettere che il conflitto continui e soprattutto per impedire che gli sciiti vengano avvantaggiati? resta da vedere). D’altra parte la capacita di ISIS di attaccare Russia e Iran (poniamo con attentati terroristici piuttosto che con uno scontro improbabile di eserciti) sul loro territorio non credo che sia comparabile a quella che ISIS potrebbe avere in Israele: innanzitutto per questioni demografiche (in israele 20% arabi e 16% musulmani, probabilmente tutti sunniti; mentre in russia e iran sono intorno al 6%), poi per questioni di sicurezza (israele resta uno stato liberale, mentre russia e iran non lo sono, i loro strumenti di controllo e repressione hanno ancora meno vincoli di israele) e infine per la presenza di forze salafite gia attive (*) che potrebbero minacciare gia direttamente israele.

                      (*)
                      http://www.jpost.com/Middle-East/Analysis-Hamas-playing-double-game-with-ISIS-408428
                      http://www.theguardian.com/world/2015/jun/10/gaza-salafists-problem-hamas-islamic-state-isis

                      Mi piace

              • okay, proviamo con la logica. al nusra è d’ispirazione salafita e i suoi feriti vengono curati negli ospedali israeliani. ne consegue che al nusra non è una minaccia per israele. l’isis è d’ispirazione salafita e persegue gli stessi obbiettivi di al nusra, ovvero sostanzialmente lo smantellamento dell’assetto sykes-picot. lo smantellammento di sykes-picot e la possibile riconfigurazione mediorientale in stati piccoli e acerrimi nemici fra loro, possibilmente sulla linea shia-sunni, è nell’interesse di israele. dunque isis non è una minaccia per israele, ma è funzionale agli interessi di israele.

                Mi piace

    • … ☺ d’altronde chi fa il maestrino dal lapis rosso-blu è condannato a perire sotto le correzioni di altri maestrini più pignoli di lui…
      Due concetti tengo fermi:

      Il saggio sa di non sapere
      L’unico che non sbaglia è quello che non fa nulla.

      Cordialità e…. Seriamente, scorreggimi gli orrori di inglese che così mi iNpari qualcosa, denghiu! ☺

      Mi piace

  1. guarda un altro complottista che la butta in caciara:

    Confesso di non riuscire a seguirti. Perché sarebbe un complottista? E perché la butterebbe in caciara?

    Mi piace

    • Non buttarla in caciara,suvvia.

      Elan, mi pare che mi rimproverassi di buttarla in caciara, solo per aver constatato una situazione di fatto, per altro costantemente alimentata dalle dichiarazioni ufficiali fatte da parti sempre molto interessate in causa (da cui il riferimento alle dichiarazione a putin). per cui quando si parla di questioni di tale complessita da permettere perlopiu speculazioni piu o meno ragionevoli e piu e piu o meno documentate, temo si rischi di abusare del termine “complottista”. tutto qui.

      Mi piace

      • Elan, mi pare che mi rimproverassi di buttarla in caciara, solo per aver constatato una situazione di fatto

        Assolutamente no.

        Si parlava di: “perche isis non attacca israele?”

        E tu mi hai risposto così…

        e qui si arriva al punto, riguardo al complottismo: dove ciascuno per una ragione o un’altra persegue una sua agenda di mosse e contromosse, e accordi ufficiosi, rinnegati ufficialmente, insomma alleanze ambigue sottobanco, dove le fonti di informazioni sono confuse, contraddette, e le parti in gioco si screditano a vicenda, che senso ha accusare qualcuno di complottismo per il solo fatto di immaginarsi possibili o eventuali strategie? cosa appunto che a me pare stiamo tutti facendo. tu incluso.

        e così:

        ho letto giornalisti che sostengono l’isis sia finanziato e armato da usa e israele, altri parlano di arabia saudita e turchia, altri ancora da assad e iran, altri da europei (francia e italia inclusa)! putin parla di 40 stati, tra cui membri del G20, che finanziano isis! Ogni parte ha il suo interesse in gioco e nessuno si fida di nessuno (es. Netanyahu si fida di Obama?) e i cambi di alleanza possono essere frequenti e/o imprevedibili (vedi america e iran contro isis, alqaeda contro isis).
        l’america sosteneva alquaeda quando doveva combattere l’urss, e poi alquaeda gli si ribella.
        l’america sosteneva saddam hussein quando doveva combattere l’iran, e poi saddam gli si ribella
        l’america e israele sono contro assad e il contro l’iran di iraq e siria da parte dell’iran (tra l’altro regione in cui si vorrebbe far passare l’oleodotti diretti per il mediterraneo), perche mai non converrebbe a entrambi finanziare e armare dei pazzi che vanno contro gli sciiti sostenuti dall’iran? esattamente lo stesso problema che hanno in yemen, dove israele si sostiene abbia contribuito a sosegno dei sauditi.
        io non sarei sicuro a priori che l’opinione pubblica israeliana sia sempre al corrente di quanto fa il suo governo su regioni remote e in nome della sicurezza nazionale, in casi di emergenza quante verita possono restare coperte da segreto di stato.

        Cioè allargando/cambiando completamente discorso, o buttando 10 argomenti nel pentolone a cui è impossibile rispondere con coerenza.

        Io questa la chiamo “caciara”.

        Ma soprattutto:

        per cui quando si parla di questioni di tale complessita da permettere perlopiu speculazioni piu o meno ragionevoli e piu e piu o meno documentate, temo si rischi di abusare del termine “complottista”

        Si può sapere perché ti sei fissato su questa storia del complottismo? Ci saranno ormai 30 mex in questa conversazione e non mi sembra che qualcuno sia saltato sulla sedia a gridare:

        “GOMBLODDO!!!!!!! GOMBLODDO!!!!”

        Lo scambio di idee sta avvenendo anzi in modo INSOLITAMENTE tranquillo…

        Mi piace

        • Elan, la mia era una considerazione a margine del topic “perche isis non attacca israele?” (che avevo rivolto espressamente a nahum). il termine complottista l’aveva usata nahum.

          E fino a qui ti ho trattato in maniera seria. Se sei un complottista ovviamente non posso accontentarti.

          visti poi i toni del tuo ultimo commento, ritengo che quel commento a margine non fosse poi cosi a sproposito:

          Seriamente?
          Credi davvero che una simile operazione sarebbe politicamente accettata dall’opinione pubblica israeliana?
          Credi davvero che un simile supporto sia accettato con un sorriso dai partner internazionali? In un momento del genere?
          Sarebbe una follia da parte d’Israele.

          no non credo davvero nulla, la questione mi sembra poco chiara, e anzi a mia volta potrei rivolgerti altrettante domande:
          – credi davvero che l’opinione pubblica israeliana sia sempre al corrente in tempi utili delle operazioni militari compiute dal governo in nome della sicurezza nazionale? (*)
          – credi davvero che quando si tratta di sicurezza nazionale israele non possa prendere iniziative senza l’avallo dei partner (**) a maggior ragione quando fra i rispettivi leader non corre buon sangue perche magari gli americani si mettono d’accordo con l’iran senza il consenso di israele? (sarei poi curioso di sapere se saresti pronto a sostenere che erdogan abbia chiesto il consenso degli alleati americani per abbattere l’aereo russo e se la cosa non sia un pericolo per gli equilibri geopolitici non certo inferiore all’intervento ufficiale di israele nella questione isis)

          infine dire che israele possa stare tranquillamente a guardare, non mi pare cosi ovvia (***)

          (*)
          http://www.presstv.ir/Detail/2015/11/11/437260/Syria-Israel-Damacus-Daesh-ISIS

          (**)
          http://www.mfa.gov.il/mfa/foreignpolicy/peace/mfadocuments/pages/exchange%20of%20letters%20sharon-bush%2014-apr-2004.aspx
          “Third, Israel will retain its right to defend itself against terrorism, including to take actions against terrorist organizations”.
          https://en.wikipedia.org/wiki/Israel%E2%80%93United_States_military_relations#Controversies

          (***)
          http://www.jpost.com/Arab-Israeli-Conflict/ISIS-in-Sinai-threatens-to-attack-Israel-432684
          http://www.jpost.com/Arab-Israeli-Conflict/Seven-Israeli-Arabs-indicted-for-creating-ISIS-cell-to-attack-Israel-419583
          http://www.dailymail.co.uk/news/article-3149047/ISIS-carries-rocket-attacks-Israel-Two-Grad-missiles-fired-Egypt-s-Sinai-Peninsula-just-days-jihadis-killed-50-Egyptian-soldiers-brutal-dawn-raids.html
          http://www.nowtheendbegins.com/isis-boldly-announces-that-southern-israel-will-be-attacked-in-coming-days/
          http://www.ynetnews.com/articles/0,7340,L-4676219,00.html

          Mi piace

          • credi davvero che l’opinione pubblica israeliana sia sempre al corrente in tempi utili delle operazioni militari compiute dal governo in nome della sicurezza nazionale?

            No e non deve.
            In nessuna parte dell’universo funziona così. Ma è l’onda mediatico/politico che SEGUE a quelli operazioni a costringere i governi a giocare bene le loro carte.

            1° link: la news non cita minimamente ISIS ma solo i miliziani anti-Assad che, ti ricordo, sono sostenuti da tutto l’occidente, incluso il nostro paese. Possiamo discutere di quanto sia retard dividere i terroristi in bianchi e neri…d’accordo…ma in un consesso internazionale si è deciso così. E tutti si adeguano. L’attacco aereo sull’aeroporto di Damasco è la conferma che Israele si muove solo quando percepisce una minaccia effettiva alla sua sicurezza (in questo caso, probabilmente, equipaggiamento iraniano in consegna agli alleati)

            credi davvero che quando si tratta di sicurezza nazionale israele non possa prendere iniziative senza l’avallo dei partner (**) a maggior ragione quando fra i rispettivi leader non corre buon sangue perche magari gli americani si mettono d’accordo con l’iran senza il consenso di israele?

            C’è una leggera differenza nel colpire i palestinesi, a 30 Km dalle tue basi militari, e dare invece supporto logistico e militare ad una forza ritenuta ostile da mezzo mondo… in particolare dai tuoi alleati. Perché di questa ipotesi stavamo parlando.

            sarei poi curioso di sapere se saresti pronto a sostenere che erdogan abbia chiesto il consenso degli alleati americani per abbattere l’aereo russo

            Erdogan ha agito di sua iniziativa contro l’aereo russo. Ha fatto una carognata di cui si assumerà tutto il peso politico nei prossimi mesi.

            e se la cosa non sia un pericolo per gli equilibri geopolitici non certo inferiore all’intervento ufficiale di israele nella questione isis)

            Naaaa. I Russi hanno già risolto la questione piazzando un paio di batterie anti-aeree sulle colline di Latakia. I primi caccia turchi che metteranno il becco in Siria saranno usati a mo’ di piattello…tant’è che Erdogan ha ordinato lo stop delle missioni aeree in siria (per la gioia dei curdi).

            In conclusione:
            Se è vero che Erdogan non ha chiesto niente a nessuno per la questione del caccia russo, ha dovuto invece consultarsi con gli alleati per craere una no fly zone a ridosso del suo confine (assolutamente illegittima, of curse), qualche tempo fa. La portata dell’intervento stabilisce il grado di collaborazione con gli alleati.

            infine dire che israele possa stare tranquillamente a guardare, non mi pare cosi ovvia (***)

            Sì, ma adesso stai parlando del Sinai e delle minacce interne…non più della Siria. 😉

            Guardando i link che cosa abbiamo?
            -Minacce.
            -Una manica di cojoni che si unisce all’Isis e che (LOL) è già sotto processo.
            -Un paio di missili finiti nel nulla (sai che paura per uno stato che ogni due anni ne ferma un migliaio)

            Queste non sono fatti tali da giustificare una guerra. Al massimo qualche squadra del Mossad è in gita nel Sinai a far suicidare qualche terrorista o ad indicare agli egiziani dove colpire.

            Mi piace

  2. In nessuna parte dell’universo funziona così. Ma è l’onda mediatico/politico che SEGUE a quelli operazioni a costringere i governi a giocare bene le loro carte.

    si ok, questo era vero anche per casi che poi si sono rivelati controversi tipo il massacro a sabra e shatila. certo DOPO si pagheranno politicamente le conseguenze. se si pagheranno. e proprio perche in nessuna parte dell’universo funzioni cosi non capisco perche il timore per la reazione dell’opinione pubblica in generale o israeliana in particolare debba essere la garanzia di alcunche. è solo un’altro vincolo alla complessita del problema. cui si aggiunge che l’intervento militare è una forma di supporto. ce ne possono essere altre.

    1° link: la news non cita minimamente ISIS ma solo i miliziani anti-Assad che, ti ricordo, sono sostenuti da tutto l’occidente, incluso il nostro paese. Possiamo discutere di quanto sia retard dividere i terroristi in bianchi e neri…d’accordo…
    C’è una leggera differenza nel colpire i palestinesi, a 30 Km dalle tue basi militari, e dare invece supporto logistico e militare ad una forza ritenuta ostile da mezzo mondo… in particolare dai tuoi alleati. Perché di questa ipotesi stavamo parlando.

    aggiungerei soprattutto che non è facile distinguere, fra i ribelli ani-assad, quelli che sono pro-isis e anti-isis (*). per cui il supporto generico dato alle milizie anti-assad non esclude che finisca per favorire milizie pro-isis. e proprio perche gli alleati di israele sono coinvolti che non posso escludere un possibile contributo di israele.

    Naaaa. I Russi hanno già risolto la questione piazzando un paio di batterie anti-aeree sulle colline di Latakia. I primi caccia turchi che metteranno il becco in Siria saranno usati a mo’ di piattello…tant’è che Erdogan ha ordinato lo stop delle missioni aeree in siria (per la gioia dei curdi).

    mah, quando parlo di equilibri geopolitici penso alla crescente tensione visto il coinvolge della nato da parte di erdogan e la russia che probabilmente non mollera l’osso (**), i cui esiti rischiano di diventare imprevedibili.

    Sì, ma adesso stai parlando del Sinai e delle minacce interne…non più della Siria. 😉
    Queste non sono fatti tali da giustificare una guerra. Al massimo qualche squadra del Mossad è in gita nel Sinai a far suicidare qualche terrorista o ad indicare agli egiziani dove colpire.

    specifico le mie domande in funzione di quel che si dice di volta in volta, in ogni caso la domanda di partenza era generale. non ho specificato ne le modalita ne i luoghi. e non mi pare di aver parlato specificamente di guerra tra isis e israele.

    cmq ok ti ringrazio per aver espresso il tuo punto di vista, per i chiarimenti e la pazienza!

    (*)

    (**)
    http://www.linkiesta.it/it/article/2015/11/25/russia-turchia-niente-guerra-ma-la-tensione-sale-e-lisis-respira/28329/

    Mi piace

    • si ok, questo era vero anche per casi che poi si sono rivelati controversi tipo il massacro a sabra e shatila.certo DOPO si pagheranno politicamente le conseguenze. se si pagheranno. e proprio perche in nessuna parte dell’universo funzioni cosi non capisco perche il timore per la reazione dell’opinione pubblica in generale o israeliana in particolare debba essere la garanzia di alcunche. è solo un’altro vincolo alla complessita del problema. cui si aggiunge che l’intervento militare è una forma di supporto. ce ne possono essere altre.

      Esempio sbagliato.

      Israele ha paura dell’Iran e della sua longa manus–>preme per evitare qualunque tipo di accordo con l’Iran & per mantenere le sanzioni–> americani rassicurano che è tutto ok —> sorpresa sorpresa: gli americani hanno fatto un accordo sottobanco con l’Iran –> possibili reazioni israeliane:

      a) Ma che bravi! Clap Clap clap.

      b) Incazzati neri + cambiamenti in politica estera.

      Adesso immagina uno scenario del genere rivolto per l’Isis. Israele rassicura tutti che non aiuta Isis –> si scopre (in modalità fantasiose) che Israele sta facendo il doppiogioco.

      Secondo te questo non ha conseguenze interne? Non ha alcuna conseguenza estera? Tutti felici? Tutti d’accordo? Nessuno che spinge per un graduale isolamento? Nessuno che inizia a trovare metodi per infastidire Israele? Tutto normale.
      Come se già oggi, in tempi di buoni rapporti, niente di tutto questo non accadesse…

      E ripeto: Israele dovrebbe mettere in rischio l’attuale status quo per COSA? Cosa c’è sull’altro piatto della bilancia? Cosa giustificherebbe questo minimo rischio? Non è dato saperlo.

      aggiungerei soprattutto che non è facile distinguere, fra i ribelli ani-assad, quelli che sono pro-isis e anti-isis (*). per cui il supporto generico dato alle milizie anti-assad non esclude che finisca per favorire milizie pro-isis. e proprio perche gli alleati di israele sono coinvolti che non posso escludere un possibile contributo di israele.

      Mi sfugge il punto.

      La tua conclusione finale quale sarebbe? Che Israele appoggia l’Isis?

      mah, quando parlo di equilibri geopolitici penso alla crescente tensione visto il coinvolge della nato da parte di erdogan e la russia che probabilmente non mollera l’osso (**), i cui esiti rischiano di diventare imprevedibili.

      Tensione tra NATO e Russia. Oh, che novità.

      La Russia che non molla l’osso? Sbalorditivo.

      Esiti imprevedibili? Niente affatto.
      La chiave di lettura è che la Turchia l’ha fatta fuori dal vaso. Gli USA gli hanno dato tante pacche sulla schiena e gli hanno detto di andare a risolvere a faccenda. Ora.
      Oh certo. Si mugugnerà, si strillerà, si batteranno i pugni sul tavolo…i rapporti saranno definiti “gelidi” ma alla fine il quadro si ricomporrà perché alzare i toni è sconveniente per tutti i giocatori.

      specifico le mie domande in funzione di quel che si dice di volta in volta, in ogni caso la domanda di partenza era generale. non ho specificato ne le modalita ne i luoghi. e non mi pare di aver parlato specificamente di guerra tra isis e israele.

      L’ISIS si trova solo in Siria.
      Nel Sinai, Libia etc, c’è solo la solita feccia salafita/soliti ribelli locali/gheddafiani di ferro che hanno capito che dietro lo stemma dell’Isis c’è qualcuno che paga moooolto bene.
      E’ il mercato della jihad, bellezza.
      😉

      Liked by 1 persona

      • Secondo te questo non ha conseguenze interne? Non ha alcuna conseguenza estera? Tutti felici? Tutti d’accordo? Nessuno che spinge per un graduale isolamento? Nessuno che inizia a trovare metodi per infastidire Israele? Tutto normale.


        si è un problema. ma non è detto che israele non operi o non abbia operato con il consenso o anche per conto degli americani o di altri alleati (tra alleati all’occorrenza ci si scambia favori no?).

        E ripeto: Israele dovrebbe mettere in rischio l’attuale status quo per COSA? Cosa c’è sull’altro piatto della bilancia? Cosa giustificherebbe questo minimo rischio? Non è dato saperlo.

        come non è dato saperlo?! certo non saprei metterti su una agenda, ma in generale credo si possa dire che isis nella misura in cui opera contro gli sciiti in iraq e siria soddisfa l’interesse regionale di israele. cosa non da poco visto il groviglio di interessi geopolitici e petroliferi in quella zona tra iran e siria (ed è anche la ragione per cui l’esempio di sabra e shatila è pertinente).

        La tua conclusione finale quale sarebbe? Che Israele appoggia l’Isis?

        Preferisco risposte prudenti anche nelle chiacchiere da bar del tipo: visti gli interessi in gioco delle parti in causa e quello che ho letto (fra gli altri anche questo (*)) non mi sentirei di escluderlo. 😛

        
> Oh certo. Si mugugnerà, si strillerà, si batteranno i pugni sul tavolo…i rapporti saranno definiti “gelidi” ma alla fine il quadro si ricomporrà perché alzare i toni è sconveniente per tutti i giocatori.

        ok quindi non c’è rischio di escalation. è tutto for the show. mentre se israele fa qualcosa di controverso succede l’apocalisse quindi è ovvio che non la fanno. vabbe.

        L’ISIS si trova solo in Siria. Nel Sinai, Libia etc, c’è solo la solita feccia salafita/soliti ribelli locali/gheddafiani di ferro che hanno capito che dietro lo stemma dell’Isis c’è qualcuno che paga moooolto bene. E’ il mercato della jihad, bellezza.

        è la seconda volta che mi obietti “no questo non è isis”. e per la seconda volta dissento: io mi adeguo alla terminologia che trovo negli articoli che leggo, quindi si, gli attacchi in francia sono isis e si, isis è presente in libia, nella misura in cui questi miliziani agiscono con il brand “ISIS”, sfruttando le reti informative, logistiche, di finanziamento di ISIS. anzi diciamo pure che ISIS gioca molto su questa possibilita di arruolamento a distanza e on the fly (stile mercenari come fanno spesso anche gli americani). se pero tu hai criteri piu stretti per dire cosa è isis e cosa non lo è, sarei curioso di sentirli.

        (*)
        http://www.jpost.com/Middle-East/New-UN-report-reveals-collaboration-between-Israel-and-Syrian-rebels-383926

        Mi piace

        • Ho perso qualche puntata, ma sostenere che Israele appoggi l’ISIS mi sembra una cagata pazzesca. Peraltro la notizia di oggi e’ che ad Abu Dhabi e’ stata aperta la prima ambasciata israeliana nei Paesi del Golfo (si tratta di una “agenzia di ricerca sulle energie alternative al petrolio”)
          A naso credo che entro breve l’ISIS verra’ mollato dai suoi sostenitori (i sauditi innanzitutto, e forse qualche famiglia nel Golfo. Che potrebbe non aver piu’ remore a dichiarare pubblicamente quel che tutti sanno: che Israele e’ un alleato prezioso)

          Liked by 1 persona

        • si è un problema. ma non è detto che israele non operi o non abbia operato con il consenso o anche per conto degli americani o di altri alleati (tra alleati all’occorrenza ci si scambia favori no?).

          Aha.
          E dimmi com’è il clima da te? No per chiedere… perché qui fa freschetto.

          Ti ricordo che stiamo parlando del perché un caso di doppiogiochismo internazionale sia una posizione – a livello mediatico ma soprattutto politico- insostenibile.

          come non è dato saperlo?! certo non saprei metterti su una agenda, ma in generale credo si possa dire che isis nella misura in cui opera contro gli sciiti in iraq e siria soddisfa l’interesse regionale di israele. cosa non da poco visto il groviglio di interessi geopolitici e petroliferi in quella zona tra iran e siria

          Va bene.
          Insomma è scemo Israele che non schiera Tsahal contro la Russia, i Curdi, gli americani, gli iraqeni e mezza Europa. Ok.
          E immagino che Netanhyau sia andato a dire a Putin che presto dovrà temere un’operazione “Piombo Fuso bis” su Latakia.
          Già.

          (ed è anche la ragione per cui l’esempio di sabra e shatila è pertinente).

          Come un evento bellico di portata irrilevante, di una guerra altrettanto irrilevante sia utilizzabile per un’ipotesi di doppiogiochismo internazionale lo sai solo tu.
          Mi fido.

          Preferisco risposte prudenti anche nelle chiacchiere da bar del tipo: visti gli interessi in gioco delle parti in causa e quello che ho letto (fra gli altri anche questo (*)) non mi sentirei di escluderlo

          Vorrei tanto dire all’ambasciatore siriano che se invece di trattare il proprio popolo come una merda, si fossero curati di dargli un minimo di sviluppo, forse oggi non dovrebbero preoccuparsi della solita et malvagya cospirazione zionista.

          Aldilà di questo. Che c’è di nuovo? Israele aiuta i ribelle anti-assad curando i loro feriti. Again, sta eseguendo le direttive stabilitein un consesso internazionale. Non mi stupisce che l’esercito siriano si lamenti.
          Per quanto riguarda presunti miliziani isis avvistati a ridosso del Golan, è da notare la magnifica arrampicata sugli specchi:

          The UNDOF report, on the other hand, says they have seen Israelis treating civilians as well as insurgents, including members of al-Qaida and Islamic State.

          Visto, non provato.
          Paraculata alla decima potenza.
          Naturalmente mi dovranno spiegare che ci facevano membri dello Stato Islamico (quanti? uno, due,100?) a quasi 300 Km oltre le loro linee del fronte e nel bel mezzo di un territorio ostile, naturalmente NON visti né dai lealisti, né dai colleghi insorti.
          LOL

          Brutta affare quando il GPS non funziona.

          ok quindi non c’è rischio di escalation. è tutto for the show.

          Sai, due guerre mondiali, qualche decina di milioni di morti e 50 anni di guerra fredda, hanno insegnato qualcosa al mondo.

          Se sei davvero convinto che ogni incidente di frontiera deve tradursi in un escalation atomica non ti resta che correre a chiedere un posto qui:
          http://vignette3.wikia.nocookie.net/fallout/images/9/92/Vault-Tec.jpg/revision/latest?cb=20110820213339

          mentre se israele fa qualcosa di controverso succede l’apocalisse quindi è ovvio che non la fanno. vabbe.

          E’ così difficile capire la leggera differenza tra un’incidente di frontiera e comportarsi come uno Stato Canaglia? Chiedo eh.

          è la seconda volta che mi obietti “no questo non è isis”. e per la seconda volta dissento: io mi adeguo alla terminologia che trovo negli articoli che leggo, quindi si, gli attacchi in francia sono isis e si, isis è presente in libia, nella misura in cui questi miliziani agiscono con il brand “ISIS”, sfruttando le reti informative, logistiche, di finanziamento di ISIS. anzi diciamo pure che ISIS gioca molto su questa possibilita di arruolamento a distanza e on the fly (stile mercenari come fanno spesso anche gli americani). se pero tu hai criteri piu stretti per dire cosa è isis e cosa non lo è, sarei curioso di sentirli.

          Le Brigate rosse erano sovietici? Sì o no?
          Risposta secca.

          Mi piace

          • Vorrei tanto dire all’ambasciatore siriano che se invece di trattare il proprio popolo come una merda, si fossero curati di dargli un minimo di sviluppo, forse oggi non dovrebbero preoccuparsi della solita et malvagya cospirazione zionista.

            probabilmente quello schifoso bugiardo dell’ambasciatore (bugiardo, come tutti i conniventi con le dittature) si permetterebbe di risponderti che la siria era lo stato arabo più secolare del medioriente, dove veniva garantia la massima libertà religiosa. forse solo lo stato libanese gli era superiore. e probabilmente ti chiederebbe come mai contemporaneamente alla forzata ed illegale deposizione di assad dal potere, l’occidente tollera al potere in arabia saudita una cricca di primitivi e ferocissimi pecorai del deserto assurti a principi a suon di petrodollari piovuti dal cielo. ma fosre i sudditi sauditi non hanno molta voglia di protestare, forse sono geneticamente predisposti a godere della feroce dittatuta teocratica esercitata su di loro. a differenza dei siriani, che evidentemente volevano un sistema uninominale secco con premio di maggioranza al 37,79%. non erano disposti a compromessi al di sotto di una certa soglia.

            (mi scuso se mi sono permesso di mettere in dubbio la narrativa mainstrem che impone di recitare che le cosiddette primavere arabe furono spontanee ed endogene)

            Mi piace

                • Sai che stai cambiando discorso? Ed e’ istruttivo.

                  Affermare che in Siria c’era liberta’ religiosa ai tempi di Assad e’ una grande cazzata. Ce ne e’ meno in Arabia Saudita, tu dici. E ti guadagni un buono per uno “stikazzi” gratuito.
                  Liberta’ religiosa in Siria non ce ne nera.

                  Hai detto una cazzata, capita.

                  Sulla bufala del colonnello israeliano, facciamo cosi’: indicami quali cambiamenti sono avvenuti ai vertici militari, in conseguenza di questo clamoroso fallimento di intelligence e poi prendero’ per vera la notizia di fonte iraniana (ripresa dalla RAI, e non sarebbe la prima cazzata che la RAI fa in campo mediorientale.

                  http://www.focusonisrael.org/2008/12/07/riccardo-cristiano-una-storia-che-e-bene-non-dimenticare/

                  I lettori qui vedono che stai cambiando discorso. Proprio come fanno i seguaci di Uriel, quando gli si indica qualche scemenza del loro beniamino. Tanta e’ forte la paura di essere bannati, di essere esclusi dal nucleo di eletti che hanno accesso alle informazioni negate dal famoso mainstream e dalla Dea Tutti.
                  Poi si svegliano. E’ successo a molti, puo’ capitare anche a te.

                  Mi piace

                  • allora, ragazzo mio, una premessa: la quantità di osservazioni ad hominem con cui ti affanni a replicare indica che devi essere parecchio frustrato o hai dei problemi psicologici di qualche natura. direi che la rete non è il luogo giusto dove cercare aiuto, nè io posso essere colui che può dartelo.

                    detto questo, l’unica cosa istruttiva qua è il tuo analfabetismo funzionale. prima di replicare ad un post dovresti averne assimilato il punto. di sicuro se lasci i tuoi complessi al tuo psichiatra o psicologo avrai più cpossibilità di carpire il punto di un post.

                    e per quanto riguarda il colonnello, sei TU che dovresti dimostrare che quel tizio non esiste, visto che sembri voler far capire di saperla lunga. io, da non giornalista, mi limito a registrare che la notizia è una notizia verosimile e, seppur lanciata da un ente de facto governativo( essendo l’iran una teocrazia che non ammette pluralismo nel campo dell’opinione pubblica), non è mai stata smentita da nessun organo israeliano il che la rende una notizia probabilmente vera.

                    hai capito almeno questo ultimo paragrafo?

                    Mi piace

                    • Io ti rispondo e tu le chiami osservazioni ad hominem. E vabbe’…

                      Ma hai idea di quante scempiaggini scrive la stampa araba? Che Israele usa il sangue dei bambini arabi per preparare il pane azzimo, per esempio. E non serve smentire, c’e’ sempre qualche fesso che ci crede.

                      Tu sei convinto che tra Israele e ISIS ci sia una qualche alleanza. E vai in giro per la rete a cercare conferme. In rete si trova di tutto e tu le hai trovate. Inutile aggiungere altro.

                      Buona ricerca, eh.

                      Mi piace

            • la siria era lo stato arabo più secolare del medioriente, dove veniva garantia la massima libertà religiosa.

              Riformulo: la siria era lo stato arabo con il regime più secolare del medioriente….Qualunque cosa voglia dire secolare in uno stato che prevede una doppia legislazione: laica e (LOL) religiosa (cioè la sharia).

              dove veniva garantia la massima libertà religiosa.

              Vedi, quando sei al comando di un’etnia che arriva si e no al 10% della popolazione, che domina il restante 90% non si sa come, cerchi di non essere più così schizzinoso sulle altrui tradizioni. Farseli amici è invece un’ottima strategia.

              alla forzata ed illegale deposizione di assad dal potere

              Mi son perso qualche puntata?
              Assad è ancora al potere. Indebolito, certo, ma al potere. A meno che tu intendessi dire che c’è stato un “tentativo” di deporlo…

              l’occidente tollera al potere in arabia saudita una cricca di primitivi e ferocissimi pecorai del deserto assurti a principi a suon di petrodollari piovuti dal cielo

              Ah, caro ambasciatore! L’Occidente tollera un mucchio di cose fatte dai vostri fratelli arabi.
              Tolleriamo il lento genocidio dei saharawi.
              Tolleriamo i massacri nel Darfur
              Tolleriamo l’occupazione di Cipro.
              Tolleriamo la crudele condizione dei Curdi
              Tolleriamo la situazione del Bahrein

              Ma immagino che per lei sia tutto un complotto sionista. Già, già.

              ma fosre i sudditi sauditi non hanno molta voglia di protestare, forse sono geneticamente predisposti a godere della feroce dittatuta teocratica esercitata su di loro.

              In realtà hanno protestato. Eccome.
              Solo che la famiglia Sa’ud li ha subito calmati con il loro solito metodo: inondandoli di sussidi e aiuti.
              E visto che per loro va bene così, un bel “Sti’ cazzi” ce lo mettiamo?

              mi scuso se mi sono permesso di mettere in dubbio la narrativa mainstrem che impone di recitare che le cosiddette primavere arabe furono spontanee ed endogene

              Ah, figurati!
              Ad ognuno le sue convinzioni.
              Vorrai perdonarmi nel caso le trovassi un tantino ridicole.

              Mi piace

              • Le ragioni per cui la Siria sta cosi’ simpatica agli sbroc sbroc (“laico” e’ il loro modo per dire “simpatico”) sono molteplici
                a) l’interscambio commerciale tra Siria ed Italia e la conseguente opera di pubbliche relazioni sulla stampa italica.
                b) il ruolo della Siria nel contrastare Israele, finanziando un po’ tutti, ma soprattutto Hezbollah.
                eccetera.

                Mi piace

                • Le ragioni per cui la Siria sta cosi’ simpatica agli sbroc sbroc (“laico” e’ il loro modo per dire “simpatico”)

                  LOL
                  In effetti rimarrebbero di sasso nello scoprire che la parola “laicismo” nel mondo arabo è un neologismo.

                  a) l’interscambio commerciale tra Siria ed Italia e la conseguente opera di pubbliche relazioni sulla stampa italica.

                  Tocchi un punto interessante.
                  Ma Assad non aveva una di quelle grandi onorificenze assegnate dal Presidente della Repubblica? Se non sbaglio era un attestato agli sforzi democratici compiuti da Assad (LOL)
                  Se non ricordo male, infatti, quando scoppio la guerra civile gliela tolsero in fretta e furia. Una figuraccia colossale.

                  Mi piace

                  • Guarda, ti racconto una cosa curiosa. In un giorno di agosto, a Roma, un professore sbadato cade nella tromba dell’ascensore. Ad agosto c’e’ in giro nessuno e quindi passano tre giorni prima che se ne accorga qualcuno. Il professore era stato presidente dell’ENAV nel periodo di Ustica. L’ENAV e’ l’ente che controlla l’aviazione civile italiana. Una delle tante morti di chi ha avuto a che fare con Ustica. Solo che il professore e’ morto nel palazzo che ospitava l’ambasciata siriana in Italia.
                    Io non credo che in agosto i servizi segreti vadano in ferie. https://it.wikipedia.org/wiki/Paolo_Ungari

                    Mi piace

                  • Ma Assad non aveva una di quelle grandi onorificenze assegnate dal Presidente della Repubblica? Se non sbaglio era un attestato agli sforzi democratici compiuti da Assad (LOL)
                    Se non ricordo male, infatti, quando scoppio la guerra civile gliela tolsero in fretta e furia. Una figuraccia colossale.

                    hahahaha! ecco un tipico esempio di soldato giapponese nella foresta. a sveglione!!! uno dei pochi allocchi rimasti attaccatti alla storiella della narrativa ufficiale secondo cui ci sarebbe stato un esercito di liberazione della siria, endogeno e “democratico”. eh, salvo poi scoprire che a voi allocchi irriducibili vi hanno smentito pure gli autori della narrativa dello state department, confessando che di il numero di soggetti figurava in circa 7(se non erro) e che dopo l’addestramento ad opera del braccio ufficiale del pentagono ve ne sono rimasti 4(quatto), ovvero è stato un fallimento.

                    ma lo volete capire o no che non c’è stata nessuna guerra civile? c’è stata un’infiltrazione nelle proteste legittime da parte di elementi stranieri salafiti, che hanno sfruttato il caos per mettere in atto una vera e propria eversione pilotata dall’estero.

                    le onoreficenze sono state assegnate perchè evidentemente un progresso c’e stato nel percorso verso un assetto più liberale e la revoca delle onoreficenze e avventuta dopo che c’è stato il controridine da washington: la siria (da un certo punto in poi) è diventato uno stato canaglia e assad un macellaio. all’incirca quando la pipeline quatariota dovette passare per quel territorio per diversificare la politica energetica europea sottraendola al monopolio russo. ma e troppo per voi allocchi alimentati a veline da washington, lo so. tempo sprecato…

                    Mi piace

                    • C’e’ una cosa che non capisco. Se qui siamo tutti condizionati dalle veline che vengono da Washington e non riusciamo a cogliere le trame sotterranee della storia (aperte a tutti quelli che si fidano della stampa iraniana, de reseau voltaire e di altra roba consimile) perche’ tu stai qua a perdere tempo con noi? Non siamo totalmente irrecuperabili e corrotti da US-raele? A che scopo perdere cosi’ tanto tempo per “prenderne atto”. come diceva questo pioniere indimenticato della tua visione del mondo (e’ quello che la chiesa ci uccide con l’onda) https://youtu.be/lUwrkZGWFco

                      Mi piace

                    • rispondo a te qua sotto, visto che non figura il tasto rispondi dove dovrebbe:

                      non c’è nessuna visione del mondo mia, e non ci sono trame sotterranne, è semplice geopolitica e corsa all’accaparrarsi delle commodities. tutto il resto, compreso l’evidente fatto che credete ogni interlocutore che parla di mediooriente, o fatti legati giooco forza ad esso, fissato con la pallosa storiella degli ebrei e palestinesi e blabla e stronzatine varie similari, sta solo nella vostra testa di malati mentali.

                      perdo tempo qui ogni tanto per scoprire se fusi scive ancora. poi lancio un’occhiata ai commenti e ogni tanto scrivo qualcosa, così, senza una particolare ragione. spero di essere stato esaustivo nel soddisfare la tua curiosità.

                      Mi piace

                    • hahahaha! ecco un tipico esempio di soldato giapponese nella foresta. a sveglione!!! uno dei pochi allocchi rimasti attaccatti alla storiella della narrativa ufficiale secondo cui ci sarebbe stato un esercito di liberazione della siria, endogeno e “democratico”.

                      Citami il pezzo dove lo affermo.

                      Mi piace

                    • Shhhhhh stai rivelando uno dei segreti meglio conservati dei Rettiliani e del NWO…. ☺
                      Poi ci massacrano con l’onda!
                      Se proprio devi evocarlo col suo vero nome fallo traducendolo in inglese: Henry Mary Melted!
                      Cielo sta cosa ricorda tanto potere magico delle parole, tipo conoscere il vero nome delle cose o dargli il nome. Fa molto Bibbia letta alla maniera di Martin Mystere…. ☺

                      Mi piace

                    • Ma infatti io son curioso di sapere su che si basa l’intenditore di complotti qua presente per stabilire che il cognome dell’Uriello e’ Fusi.

                      Mi piace

              • Riformulo: la siria era lo stato arabo con il regime più secolare del medioriente

                bravo, esatto.

                Vedi, quando sei al comando di un’etnia che arriva si e no al 10% della popolazione, che domina il restante 90% non si sa come, cerchi di non essere più così schizzinoso sulle altrui tradizioni. Farseli amici è invece un’ottima strategia.

                bravo, esatto. perchè allora definire dittatore macellaio un tizio che dati alla mano non può permettersi di esserlo, ma è al cntrario costretto ad adottare la strategia di “farseli amici”?

                Ah, caro ambasciatore! L’Occidente tollera un mucchio di cose fatte dai vostri fratelli arabi.
                Tolleriamo il lento genocidio dei saharawi.
                Tolleriamo i massacri nel Darfur
                Tolleriamo l’occupazione di Cipro.
                Tolleriamo la crudele condizione dei Curdi
                Tolleriamo la situazione del Bahrein

                bravo esatto, perchè prendersela solo con il feroce dittatore assad?

                In realtà hanno protestato. Eccome.
                Solo che la famiglia Sa’ud li ha subito calmati con il loro solito metodo: inondandoli di sussidi e aiuti.

                beh, definire decapitazioni e frustate “sussidi” e “aiuti” è un esercizio di estremo cinismo o cattiveria pura. vallo a dire al prossimo in fila, un poeta di origini palestinesi, vediamo che ti risponde

                Ah, figurati!
                Ad ognuno le sue convinzioni.
                Vorrai perdonarmi nel caso le trovassi un tantino ridicole.

                be my guest. io ovviamente ritengo ridicolmente ingenue le tue.

                Mi piace

                • perchè allora definire dittatore macellaio un tizio che dati alla mano non può permettersi di esserlo, ma è al cntrario costretto ad adottare la strategia di “farseli amici”?

                  La strategia del farseli amici era rivolto al restante 20% della popolazione: cristiani, drusi, turcomanni etc etc
                  Il restante 70% della popolazione veniva schiacciato, umiliato e perseguitato come solo i regimi dittatoriali sanno fare.
                  Homs non dimentica. Dahra grida ancora vendetta.
                  Quando la popolazione è scesa ogni venerdì in piazza per 6 mesi Assad junior aveva un ventaglio di scelte. Tra tutte quelle ragionevoli invece ha detto: “che pivello mio padre, mo vi faccio vedere io come si fa un massacro serio”

                  Quindi sì. Assad era un dittatore macellaio e meriterebbe per i suoi crimini una bella corda intorno al collo.

                  perchè prendersela solo con il feroce dittatore assad?

                  Lo dicevo io! Tutta colpa di Israele! Non si fa mai gli affari suoi.

                  La cosa divertente dei dittatori e dei loro sostenitori, è che la colpa è sempre di qualcun altro. Mai la loro.

                  beh, definire decapitazioni e frustate “sussidi” e “aiuti” è un esercizio di estremo cinismo o cattiveria pura.

                  LOOOOOOOOL
                  Quotami il pezzo in cui definisco le frustate dei sussidi. 😄

                  vallo a dire al prossimo in fila, un poeta di origini palestinesi, vediamo che ti risponde

                  Ecco svelato l’arcano. Hanno toccato un palestinese!
                  Ovvove, ovvove! Dagli ai cammellieri!

                  Quando hai cinque minuti puoi anche controllare da te.
                  I satrapi sauditi hanno promesso ed elargito una mazzetta da 35 miliardi al loro popolo per farli stare buoni.

                  Mi piace

                  • la strategia del farseli amici era rivolto al restante 20% della popolazione: cristiani, drusi, turcomanni etc etc
                    Il restante 70% della popolazione veniva schiacciato

                    “la siria era lo stato arabo con il regime più secolare del medioriente.”

                    “….probabilmente ti chiederebbe come mai contemporaneamente alla forzata ed illegale (tentativo di ) deposizione di assad dal potere, l’occidente tollera al potere in arabia saudita una cricca di primitivi e ferocissimi pecorai del deserto assurti a principi”

                    Quotami il pezzo in cui definisco le frustate dei sussidi

                    quotami il pezzo dove io dico che lo hai definito tale? looooooooool

                    ad ogni modo, spieghella(dev’essere una costante qua): il dissenso religioso in arabia è punito con punizioni corporee e decapitazioni. se non lo sai, cerca in internet. in arabia saudita non ci sono state mai proteste antiregime di massa , nè alcun tipo di richieste di cambiamento di assetti politici. i 35 miliardi servivano a mitigare il malcontento economico, non hanno avuto nulla a che fare con nobili principi di cui tanto ti piace discutere sterilmente, lasciando al bugiardissimo e sporco ambasciatoe siriano insoddisfatta la voglia di placare la sua curiosità.

                    Mi piace

                    • quotami il pezzo dove io dico che lo hai definito tale? looooooooool

                      Ecco a te, Clown:

                      KC: “ma fosre i sudditi sauditi non hanno molta voglia di protestare, forse sono geneticamente predisposti a godere della feroce dittatuta teocratica esercitata su di loro.”

                      Elan: “In realtà hanno protestato. Eccome. Solo che la famiglia Sa’ud li ha subito calmati con il loro solito metodo: inondandoli di sussidi e aiuti. E visto che per loro va bene così, un bel “Sti’ cazzi” ce lo mettiamo?”

                      KC: “beh, definire decapitazioni e frustate “sussidi” e “aiuti” è un esercizio di estremo cinismo o cattiveria pura.”

                      Le tue scuse sono doverose.

                      il dissenso religioso in arabia è punito con punizioni corporee e decapitazioni. se non lo sai, cerca in internet. in arabia saudita non ci sono state mai proteste antiregime di massa , nè alcun tipo di richieste di cambiamento di assetti politici. i 35 miliardi servivano a mitigare il malcontento economico, non hanno avuto nulla a che fare con nobili principi di cui tanto ti piace discutere sterilmente

                      Clown fatti una cultura:

                      https://en.wikipedia.org/wiki/2011%E2%80%9312_Saudi_Arabian_protests

                      E guarda la colonnina dei Goals e delle Concession Gives.

                      Poi possiamo discutere del fatto che mi stai dando ragione. (prima che inizi a delirare.Ti aiuto, ricitandomi: “E visto che per loro va bene così, un bel “Sti’ cazzi” ce lo mettiamo?”)

                      Considerando il tuo analfabetismo funzionale immagino che ci vorrà una dozzina di post e qualche giorno per fartelo capire. Ma sono fiducioso.

                      Mi piace

            • e chi parla di engdahl? io ho detto che anacleto un giorno, se ne avrà voglia, potrà farsi una chiacchierata con il colonnello Yusi Oulen Shahak, codice di sicurezza militare Re34356578765az231434.

              Mi piace

              • ah, si’. certo. Sempre ammesso si riesca a trovarlo, questo famoso colonnello.

                http://www.butac.it/colonnello-israeliano-arrestato-in-iraq/

                Ora, ti prego, non credere che io abbia dei pregiudizi verso chi si fida della stampa iraniana. Ma in democrazia dopo fallimenti di intelligence di quel tipo, qualche testa comincia a cadere. E le teste dei generali israeliani sono ancora al loro posto. Quindi io, cittadino di una democrazia (in effetti, di tre) deduco che la stampa iraniana dice balle.
                Certo, si potrebbe sostenere che anche questa mancata caduta di teste faccia parte della grande cospirazione per nascondere l’alleanza tra Israele ed ISIS. La grande cospirazione (aka complotto) spiega tutto. Per quelli che ci credono, voglio dire. Purtroppo la realta’ e’ sempre molto piu’ prosaica del romanzo a base di complotti che a te sembra spiegare tutto. Ci ha gia’ provato qualcun altro a spiegartelo, ma con -vedo- pochi risultati.

                Due cose, a questo punto. Una di carattere personale: non mi ci metto nemmeno a smontare le fesserie di carattere complottista, che vengono riciclate dalla stampa iraniana, da globalresearch, reseau voltaire ecc. Non ho tempo, e poi gli adepti di quel genere di complottismo ne sanno sempre una di piu’, come dei fanatici religiosi che hanno scoperto la Verita’, e tutto il resto e’ un complotto contro la Verita’ e contro di loro. Un articolo del Guardian, o del Times (per tua info: un quotidiano di sinistra ed uno conservatore) sono ugualmente inaffidabili. Perche’? Perche’ tutte le loro differenze sono fumo negli occhi per nascondere la Verita’ che e’ l’esistenza di questo complotto globale. E proprio come i fanatici religiosi, ve la ripetete sempre tra di voi, avete una scorta enorme di link e di informazioni segrete (a cui chissa’ perche’ avete accesso solo voi) che sfuggono a noi normali lettori di quotidiani normali aka mainstream. Perche’ noi persone normali usiamo la rete per cercare notizie, i complottisti per trovare conferma delle loro teorie, e di quanto son fighi loro ad avervi accesso.

                Ed e’ esattamente questo il processo mentale che sta(va) alla base del successo di Uriel. Si seguiva il suo blog perche’ si credeva di aver accesso a “armi segrete contro il pensiero mainstream”. Ed invece erano solo vaneggiamenti di un egotico in cerca di ragioni per dire che lui e’ lui e voi siete un cazzo. Il gioco e’ andato avanti fino a quando qualcuno dei “voi” ha iniziato a prenderlo per il culo.

                Stammi bene. Shalom.

                Mi piace

                • quale complottismo? la notizia è stata riportata da rainews. il fatto che dubiti della rai, ovvero del mainstream, ti inserisce nella categoria dei complottisti. e io non ci parlo coi complottisti.

                  stammi bene. shalom.

                  (tra l’altro il testo nel tuo link non smonta un bel nulla, alla fine lo ammette lui stesso limitandosi a ipotizzare e discreditare e finisce con la domanda “Non sarà che questa è solo l’ennesimo esempio di disinformazione mediatica?” che non trova risposte. ah, già una risposta c’è e non è a favore degli anticomplottisti: nessuna smentita della notizia, mai. cosa davvero strana visto che riportava dati così stranamente dettagliati e sensibili come nome cognome e codice militare.)

                  Mi piace

  3. Elan, ho proposto di discutere questo argomento non tanto per difendere una tesi ma per sapere il punto di vista di nahum sull’argomento, visto che sui giornali se ne sentono di tutti i colori.

    A me pare si diano diverse ipotesi riguardo a Israele:
    – partecipazione ufficiale coordinata (con alleati) o individuale anti-Isis o pro-Isis.
    – partecipazione coperta e mirata di supporto coordinato (con alleati) o individuale pro- o anti-isis
    – nessuna partecipazione
    Tu sosterresti l’ultima per esclusione. Ad es. gli argomenti che hai esposto finora mi sembrano escludere una partecipazione ufficiale coordinata o individuale anti-Isis o pro-Isis.
    Resta pero da considerare altre forme coperte e mirate di supporto coordinato (con alleati) o individuale (doppio gioco) pro- o anti-isis.
    Siccome si tratta di operazioni coperte va da se che esse non sono trasparenti e bisognera andare a caccia di prove e non sara tanto facile trovarle, giusto? Ok tu escludi il doppio-gioco pro-isis.
    Ma l’ipotesi che vedo circolare di piu è piuttosto il supporto coordinato (con alleati) pro-isis. E’ pura fanta-politica? La plausibilita della congettura deriva semplicemente da interessi regionali di Israele (l’ostilita dichiarata verso l’Iran e quanto puo risenire del suo controllo), risorse disponibili a Israele, la storia controversa delle operazioni coperte di Israele, e un atteggiamento realistico in politica. Tutto qui. Quindi non escluderei la cosa come implausibile A PRIORI.
    Pero, sono d’accordo che la cosa resta mera congettura finche non si trovano solide prove (anche se poi, semmai venissero scoperete, ci sara sempre qualcuno che magari le denuncera come fabbricate o irrilevanti o tu-quoque, ecc. ecc. ecc.). 


    il riferimento a sabra e shatila è pertinente non per il discorso che fai tu, bensi per fornire un esempio riguardo a:
    1. che tipo di scelte puo fare il governo israliano quando si tratta di sciiti
    2. e che ruolo puo giocare l’opinione pubblica israeliana sulle scelte controverse del proprio governo

    Se sei davvero convinto che ogni incidente di frontiera deve tradursi in un escalation

    No non sono davvero convinto. Pero LEGGO che si parla di rischio di escalation. E la storia non è un processo che si svolge da se. Sono sempre degli esseri umani fallibili con le loro ambizioni a farle, finendo in situazioni anche imprevedibili a partire da circostanze apparentemente innocue o putativamente sotto controllo. Del resto anche durante la guerra fredda si parlava di guerra atomica ma poi non è successo nulla mi pare. E quindi? L’angoscia che quel periodo induceva negli animi era forse irrazionale?

    Le Brigate rosse erano sovietici? Sì o no?
    Risposta secca.


    Se ad es. si crede al dossier Mitrokhin, come Paolo Guzzanti, si le BR erano supportate dall’URSS. Se no, no. Ma perche parli delle BR? Prendiamo un caso probabilmente meno controverso: Hamas o Hezbollah sono iraniani?
    L’analogia con le BR mi pare maldestro anche per altre ragioni:
    1. Non mi pare che l’URSS abbia mai rivendicato gli attentati terroristici delle BR, diversamente dal’ISIS che ha rivendicato gli attentati a Parigi e la sua presenza in Libia ()
    2. l’URSS era uno stato con un esercito e servizi segreti regolari, l’ISIS non si sa manco quel che è, e in ogni caso si nutre massicciamente di foreign fighters () e sull’iniziativa di cellule jihadiste relativamente autonome che pure fanno leva su reti di finanziamento e di informazione all’epoca di internet di ISIS (
    )

    Ribadisco che parlo di Isis la dove i giornali parlano di Isis. E l’uso che ne fanno i giornali mi pare plausibile per le ragioni che ti ho gia esposto.

    ()
    https://en.wikipedia.org/wiki/Islamic_State_of_Iraq_and_the_Levant_in_Libya
    ()
    http://www.theweek.co.uk/islamic-state/64120/how-many-foreign-fighters-have-joined-islamic-state
    (
    )
    http://thehill.com/blogs/pundits-blog/homeland-security/260597-how-do-isis-terrorists-finance-their-attacks

    Mi piace

    • Elan, ho proposto di discutere questo argomento non tanto per difendere una tesi ma per sapere il punto di vista di nahum sull’argomento, visto che sui giornali se ne sentono di tutti i colori.

      Hai avuto un’opinione in più ^^

      No non sono davvero convinto. Pero LEGGO che si parla di rischio di escalation.

      In giro però si legge anche di Rettiliani. E dei Grigi. Ma immagino che tu non creda alla loro esistenza. Dico bene?
      E perchè? Semplice: dalle informazioni in tuo possesso hai tratto delle conclusioni. E sono proprio quelle che sono importanti in una discussione.

      e ad es. si crede al dossier Mitrokhin, come Paolo Guzzanti, si le BR erano supportate dall’URSS. Se no, no

      Non ti ho chiesto se erano supportate dai sovietici. Ma se i brigatisti erano sovietici.

      E la risposta è chiaramente no.
      Questo per dirti che stai trascurando un fattore fondamentale, e cioè che l’Isis ha una precisa connotazione regionale.
      Isis è una sigla che sta per “Stato Islamico dell’Iraq e Siria”. Il messaggio dell’Isis è opposto a quello di Al Qaida. AQ invita i futuri martiri a combattere gli infedeli. L’Isis si appella ai futuri martiri a proteggere il neonato califfato. E i cojoni ci sono andati per davvero! I jihadisti europei sono niente più e niente di meno che una Legione Straniera,
      Eccoti la mia definizione operativa di Isis: coalizione di tribù sunnite che hanno fatto appello alla jihad per mantenere la propria indipendenza da Iraq e Siria. L’errore che si sta facendo è quello di considerare l’Isis come un network che sta soffocando una regione. Niente di più sbagliato: è una popolazione che non ne vuole più sapere degli sciiti, a costo di imbracciare le armi.

      Per questo tutti gli Isis nel mondo sono solo delle foglie di fico nere, dei prestanome: perché mancano di quella specifica connotazione tribale-regionale che è il cuore tipizzante dell’organizzazione.
      E se le consideri foglie di fico, capisci bene che la risposta muscolare di Hollande è sciocca. Non è più come con Al Qaida che bisogna dare la caccia a Bin Laden o al luogotenente locale di turno.
      Devi stanare la marmaglia che si auto-propone di alzare i vessilli neri.
      Se Hollande voleva proprio bombardare qualcosa, ebbene doveva guardare alle sue banlieu. Senza ombra di dubbio sarebbe stato più educativo.

      Mi piace

      • Elan, hai fatto bene ad esprimere la tua opinione. Ci mancherebbe. Anzi dopo tutti questi scambi mi hai francamente incuriosito: hai per caso una conoscenza privilegiata del mondo ebraico o israeliano, tipo quella di nahum?

        In giro però si legge anche di Rettiliani. E dei Grigi. Ma immagino che tu non creda alla loro esistenza. Dico bene?


        Dei rettiliani non ho letto nulla, ma ne ho sentito parlare. Nella misura in cui si parla di alieni, l’implausibilita delle loro ipotesi dipendera fra le altre cose dalle leggi della fisica e della biologia a noi note, ancora prima di considerare le evidenze empiriche in favore di tale ipotesi. Ma ipotizzare che israele conduca operazioni coperte a supporto di isis in funzione anti-sciita, non solo non infrange leggi della fisica e della biologia ma nemmeno le “leggi” della storia e della geopolitica. Ripeto la plausibilita di quella ipotesi (che è presente anche nei canali mainstream a differenza delle ipotesi dei rettiliani) “deriva semplicemente da interessi regionali di Israele (l’ostilita dichiarata verso l’Iran e quanto puo risenire del suo controllo), risorse disponibili a Israele, la storia controversa delle operazioni coperte di Israele, e un atteggiamento realistico in politica”. Ovvio pero che di per se l’ipotesi non prova nulla. E sicuramente alleanze e democrazia, fra le altre cose, possono all’occorrenza renderla di fatto inattuabile. Quindi resta da vedere.

        Isis è una sigla che sta per “Stato Islamico dell’Iraq e Siria”.

        Si la precisazione terminologica è corretta ma di per se fuorviante, perche non rende pienamente l’idea del progetto politico che ruota attorno all’idea di califfato e al leader al-baghdadi che non è confinato regionalmente a siria e iraq, ma include provincie in libia, sinai, e yemen (1). Tant’è che questo si riflette nelle incertezze terminologiche usate per descrivere il medesimo fenomeno: es. ISIS potrebbe stare anche per Islamic State of Iraq and ash-Sham e quindi con il calco occidentale ISIL che sarebbe geograficamente piu esteso di Siria e Iraq, anzi includerebbe pure Israele! (2) . Chiarito questo, mi servo del termine “ISIS” per riferirmi al progetto politico summenzionato, del resto in linea con l’uso corrente che ne fa la stampa mainstream.

        Eccoti la mia definizione operativa di Isis: coalizione di tribù sunnite che hanno fatto appello alla jihad per mantenere la propria indipendenza da Iraq e Siria. L’errore che si sta facendo è quello di considerare l’Isis come un network che sta soffocando una regione.

        Da quel che ho capito io il fenomeno ISIS è un po piu complesso per composizione e strategie di quel che sostieni tu. Innazitutto diciamo che si considera ISIS un branch salafita/wahabita di alQaeda originariamente presente in Iraq e anti-governo baghdad. A loro si sono unite ex-milizie baat di saddam hussein. Poi la loro attivita si è concentrata in siria (ad essi sono uniti i ribelli jihadisti anti-assad, con controverse fusioni tra la irachena isis e la siriana al-nusra) mettendo pressione su assad, poi si sono focalizzati nella guerra ai curdi (3) particolarmente a vantaggio della turchia e per via dei giacimenti di petrolio.
        Poi aggiungi pure le pretese riguardo alle province al in altre regioni del medio-oriente come parte del progetto politico del califfato e il massiccio contributo dei foreign fighters.
        E infine che ci sono anche tribu sunnite irachene che hanno problemi piu con isis che con il governo sciita di baghdad (4).
        BTW la tua stessa definizione suggerisce una potenziale convergenza tra i ribelli anti-assad e isis (quindi quando si parla di operazioni israeliane a supporto dei ribelli anti-assad, qualche perplessita dovresti averla pure tu sulla base della tua stessa definizione di isis!)
        In conclusione, dire che “l’errore che si sta facendo è quello di considerare l’Isis come un network che sta soffocando una regione” sara stato semmai vero in origine, ora ne debito assai.

        (1)
        https://en.wikipedia.org/wiki/Islamic_State_of_Iraq_and_the_Levant#Territorial_claims_and_international_presence

        (2)
        http://www.ibtimes.com/isil-isis-islamic-state-daesh-whats-difference-2187131
        ISIL translates to “Islamic State of Iraq and the Levant.” The Levant is a geographical term that refers to the eastern shore of the Mediterranean — Syria, Lebanon, Palestine, Israel (sic!) and Jordan. It’s the term the U.S. government uses since the “Levant” is apparently a better translation for al-Sham, the Arabic name for the region.

        (3)

        
https://www.washingtonpost.com/world/middle_east/the-hidden-hand-behind-the-islamic-state-militants-saddam-husseins/2015/04/04/aa97676c-cc32-11e4-8730-4f473416e759_story.html

        (4)
        http://www.nytimes.com/roomfordebate/2015/06/01/can-victory-over-isis-be-more-than-a-mirage/sunni-tribes-need-arms-and-support-to-fight-isis

        Mi piace

        • hai per caso una conoscenza privilegiata del mondo ebraico o israeliano, tipo quella di nahum?

          Qualche viaggio di lavoro…ma no, nessuna conoscenza di rilievo.

          Dei rettiliani non ho letto nulla, ma ne ho sentito parlare. Nella misura in cui si parla di alieni, l’implausibilita delle loro ipotesi dipendera fra le altre cose dalle leggi della fisica e della biologia a noi note, ancora prima di considerare le evidenze empiriche in favore di tale ipotesi.

          Il mio era un esempio.

          E ancora una volta non mostri le tue conclusioni.

          Ci credi ai Rettiliani sì o no? 😛

          Si la precisazione terminologica è corretta ma di per se fuorviante, perche non rende pienamente l’idea del progetto politico che ruota attorno all’idea di califfato e al leader al-baghdadi che non è confinato regionalmente a siria e iraq, ma include provincie in libia, sinai, e yemen

          Province è una parola grossa. Sono state conquistate con un corpo di spedizione? Inviano alla madrepatria uomini, mezzi o tasse? Rispondono a una precisa gerarchia approvata dall’isis?

          Da quel che ho capito io il fenomeno ISIS è un po piu complesso per composizione e strategie di quel che sostieni tu. Innazitutto diciamo che si considera ISIS un branch salafita/wahabita di alQaeda originariamente presente in Iraq e anti-governo baghdad. A loro si sono unite ex-milizie baat di saddam hussein. Poi la loro attivita si è concentrata in siria (ad essi sono uniti i ribelli jihadisti anti-assad, con controverse fusioni tra la irachena isis e la siriana al-nusra) mettendo pressione su assad, poi si sono focalizzati nella guerra ai curdi (3) particolarmente a vantaggio della turchia e per via dei giacimenti di petrolio.

          Nulla di ciò che hai detto entra in contraddizione con quanto affermo. La tua ricostruzione degli eventi è precisa ma nulla di tutto questo sarebbe stato possibile senza il malcontento delle tribù sunnite.
          La chiave di volta è stato l’appoggio delle tribù sunnite al califfo….senza di esso stai pur tranquillo che oggi l’Isis sarebbe ancora una delle tante sigle jihadiste in giro per il MO.

          BTW la tua stessa definizione suggerisce una potenziale convergenza tra i ribelli anti-assad e isis (quindi quando si parla di operazioni israeliane a supporto dei ribelli anti-assad, qualche perplessita dovresti averla pure tu sulla base della tua stessa definizione di isis!)

          Assolutamente no.
          Gli anti-assad vogliono sbarazzarsi di Assad (lol)
          L’Isis ha craeto uno stato indipendente che adesso sta schiacciano la vecchia Siria.

          Dove la vedi la convergenza?

          E infine che ci sono anche tribu sunnite irachene che hanno problemi piu con isis che con il governo sciita di baghdad

          Leggere di neutralità quando la scelta è tra Isis e governo Iraqeno, e vedere il commentatore americano ipotizzare su questo, spiega perfettamente perché gli Americani continuino a prendere cantonate in Medio Oriente.

          Mi piace

  4. Province è una parola grossa.

    Parlo del progetto politico di ISIS (descritto qui: https://en.wikipedia.org/wiki/Islamic_State_of_Iraq_and_the_Levant#Libyan_Provinces), e non di quel che si pretende sia stato realizzato. In ogni caso non sono certo io a chiamarle cosi.

    Nulla di ciò che hai detto entra in contraddizione con quanto affermo.

    Mi pareva fossi tu a mettere in contrapposizione il fattore regionale (tribu sunnite di siria e iraq) e quanto non vi rientra (la presenza/azione di isis – con tale termine ho gia spiegato a cosa alludo – fuori dai confini di iraq e siria), protestando per ogni esempio che facevo (attacco a parigi, presenza di isis in libia e sinai). Se pero il tuo obiettivo è ribadire il ruolo giocato dal fattore territoriale (il progetto del califfato a partire da siria/iraq) per isis in contrapposizione ad alqaeda, non mi pare di averlo mai in questione. A questo punto pero non capisco perche mi contestavi gli esempi che facevo.

    Dove la vedi la convergenza?

    Semplificando, i ribelli siriani anti-assad:
    1. combattono contro il governo sciita di assad
    2. e vogliono preservare la loro autonomia statale
    Mentre le milizie isis:
    1. combattono contro il governo sciita di assad
    2. e vogliono formare un califfato, che comprende in parte o tutta siria e iraq (e magari altro)
    L’obiettivo 1 puo favorire alleanze (come avvenne di fatto anche in iran tra khomeinisti e mujaheddin contro lo shah)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...