Storia di witchbell.cc

Perche’ tutto cio’?

Era il lontano 1997, quando io e altri amici aprimmo (all’epoca scrivevo gia’ con lo pseudonimo di “Lev”) il sito www.streghe.com.

Erano tempi strani, durante i quali succedeva di tutto. La Wicca era sconosciuta in Italia, e come se non bastasse il fenomeno del Newage iniziava a scricchiolare, portandosi dietro tutta una serie di persone senza ne’ arte ne’ parte, tutti alla ricerca di una nuova bandiere con la quale spennare i polli. Gli stessi polli di prima, magari, ma spennati in maniera diversa.

Il sito www.streghe.com svolse una funzione egregia, ma ci scontrammo con tutta una serie di fenomeni che indussero tutti gli altri, tranne me e Jana, a rinunciare. I cattolici estremisti e i fascisti erano partiti alla nostra ricerca, mobilitando persino amici dentro le forze dell’ordine. Eravamo oggetto di interviste (poi regolarmente manipolate, che ingenuita’ concederne!) , ci chiamavano dal ministero degli interni per sapere che intenzioni avessimo. Nei periodi di punta, il sito faceva circa 600.000 contatti unici! La cosa ci spavento’, alcuni non se la sentirono piu’, e si ritirarono.

Si combatteva con le informazioni, la Gatto Trocchi (qualcuno se la ricorda?)  inventava improbabili iniziazioni sessuali ricevute a destra e a manca, (peraltro con discutibile fantasia, non era di certo una Anais Nin). I cattolici erano alla conquista di usenet (esiste ancora, poi?) , e molti di loro si sono scontrati inutilmente col sottoscritto, al punto che se io non ricordo i loro nomi, loro ricordano ancora in mio. Oggi quei signori sono poco piu’ di un residuo di fascisteria.

Erano i tempi del fenomeno commerciale, della moda. Dei filmettini su rai2. Eravamo letteralmente infestati di ragazzine che volevano gli attributi estetici di un’identita’ , la “strega”, della quale sapevano poco e capivano ancor meno. Ma non gli interessava capire, poiche’ come tutti i fenomeni di moda veniva vissuto solo sul piano estetico. Importava loro come spararsi qualche posa, importava loro come avere l’aspetto estetico della strega. Discorsi etici sulla wicca erano impossibili.

Erano i tempi in cui non esisteva ancora forzanuova, e i fascisti cercavano una legittimazione per sdoganarsi dicendo di essere “pagani”. A dire il vero, chiunque avesse un conto aperto con la societa’, la vita o l’universo pretendeva di distruggere ogni cosa agendo sotto l’etichetta di “pagano”. Altro rumore che impediva di lavorare, un immenso coro di scontenti e di irrealizzati che vedeva in noi coloro che avrebbero cambiato il mondo, e specialmente migliorato la loro esistenza. Con la dovuta delusione, quando scoprivano che le cose stavano diversamente.

Dopo anni di spreco di energie, dopo anni a lottare contro una marea di superficiali squinzie alla ricerca di un’etichetta per sembrare piu’ interessanti, e forse anche per trovare quell’identita’ che tutti cercano da giovani, decidemmo di dedicarci al nostro scopo principale. Saremmo stati contenti, decidemmo, se anche solo UNA strega in piu’ fosse uscita dal sito. Ma per farlo dovevamo toglierci di torno la canea di squinziette , e dei relativi montoni.

Contemporaneamente altre persone si davano alla Wicca, o alla stregoneria, prendendo al volo quello che sembrava essere un trend vincente. E allora lo era. Un trend, intendo. Una moda. Chi lo faceva per farci due lire, chi per picciare l’uccello in una di queste quinziette, nacquero altre personalita’ Wicca su internet. Ma nessuno di loro era capace (ne’ lo e’ ancora) di andare oltre il “abbiamo otto feste, non siamo satanisti, siamo tanto bbuoni,  crediamo nella donna, abbiamo una Dea, leggiamo tanti libri di storia”

Non c’era  non c’e’ mai stato alcun desiderio di indagare questioni etiche o spirituali in queste persone, come non c’e’ ora: il massimo che possono permettersi e’ un manierismo da scribani, con continue citazioni a letteratura e a dati storici ed archeologici, ma niente piu’. Il lato religioso e’ ancora del tutto scoperto, al massimo si arriva ad una liturgia ritualistica. Al punto che , a sentire loro, la Wicca sembra essere un monoteismo femminile; parlano solo e sempre della Dea, in un mix di veterofemminismo rimasticato e adorazione della figura materna. Da un paese come l’Italia, dove ogni forma di donna e’ un idolo, non ci si poteva aspettare niente di meglio se non un idolo a forma di donna.

Nessuno, perche’ nessuno lo ha compiuto, parla del cammino. Parla dei cambiamenti. Eppure ce ne sono stati. Io stesso, nel cammino, sono cambiato cosi’ tanto che stento a riconoscermi. Loro no, non cambiano. Non cambiano perche’ non compiono alcun cammino. Si limitano a vivere superficialmente la Wicca, senza mai approfondire troppo temi come Etica o Integrita’. Chiamano la personalita’ famosa in Italia, e poco importa se anche quella ci sta marciando non poco, ma non parlano di etica. Per una semplice ragione: la Wicca come etica vieterebbe di vendere cose sacre, e farsi pagare per parlare di religione agli altri non e’ propriamente “Etico”. Ma anche sul discorso “soldi”, ci scontrammo cosi’ violentemente con una realta’ fatta di spennagonzi che la decisione di chiudere il sito www.streghe.com  e cambiargli nome in www.streghe.cc fu quasi automatica. (che triste destino, poi, per streghe.com!….)  Dovevamo dedicarci alle persone, non c’era tempo per la politica ne’ per la sfiancante processione di aspiranti “papi della Wicca” , ovviamente a pagamento e su appuntamento. Saremmo stati felici se avessimo potuto tramandare una RELIGIONE a qualcuno, almeno ad uno.

Mentre tutti si concentravano sulla magia, noi parlavamo di religione.

Direi che l’obiettivo sia stato raggiunto, e da ben piu’ di uno! Altri non ce l’hanno fatta, ma rimangono ottimi amici che rivediamo con piacere. Altri ancora avevano altri obiettivi, e quando hanno scoperto che noi lo facevamo per la RELIGIONE, si sono eclissati. Abbiamo conosciuto, in quegli anni, la bassezza di un mondo, quello dell’esoterismo, che ci ha spaventati. Sentivamo in quelle persone un abbruttimento, una rabbia, un gelo mortale, una determinazione a togliere di mezzo chiunque ostacolasse il loro business, che ci spaventava. Un vero e proprio stillicidio di attacchi, magici e non, allo scopo di togliere di mezzo quelli li’, quelli che non facevano business e rovinavano il business , quelli che lo facevano gratis, quelli che non stavano costruendo un partito o una setta, quelli che non si dichiaravano papi della Wicca italiana.

Esaurito il compito di streghe.cc , ho intrapreso il cammino solitario. Grande capacita’ etica della Wicca, quella di permettere un cammino religioso solitario. Oggi non devo piu’ difendere nessuno, non devo piu’ venire a patti, devo solo guardare avanti, devo solo parlare con gli Dei, cambiare, fari si’ che io mio volto sia degno. Il cammino e’ stato duro e mi ha richiesto di cambiare, sono molto diverso oggi da anni fa, e ne sono orgoglioso, perche’ una religione che ti cambia e’ una religione VIVA. Ben altro che tentare di sostenere che sia rimasta immutata nei secoli, quando le cose vive cambiano in pochi attimi.  E il mio cambiamento e’ testimonianza di quanto VIVA sia la religione. Perche’ una religione e’ viva, come ogni cosa, quando cambia: solo i sepolcri rimangono immutati nel tempo. Solo i sarcofagi. Una religione che non ti cambia, che non fa di te qualcosa di diverso, non e’ altro che una stupida liturgia, come potrebbe essere Star Trek o quella branca della sessuologia quale ormai si e’ ridotta la chiesa cattolica.

Sono dunque finiti due cicli. Come ogni Wiccan, credo nella ciclicita’ del tempo, e credo quindi che un inverno venga a tagliare i rami secchi , i progetti ormai terminati. E’ finito molto tempo fa www.streghe.com, e’ finito www.streghe.cc . E’  finito un cammino con le persone da cui ho imparato, e’ finito il cammino con le persone cui spero di aver lasciato qualcosa.

Adesso, cammino da solo. E questo e’ un blog. Non ha obiettivi. Non ha doveri. Non e’ nulla se non un posto dove scrivo cio’ che penso. Potra’ piacere o non piacere, credo. Ma del resto, nessuno e’ obbligato a venirci.

Perche’ questo blog e’ la voce di uno solo.

Questo e’ il blog di un cammino SOLITARIO. Oh, la Wicca non e’ l’unica religione ad avere figure solitarie. E’ l’unica, pero’ , ad inquadrarle sul piano etico e a definirne i margini di liberta’ e di rispetto. Il “monaco” , nel senso greco di “monade”, esiste anche in altre religioni, le quali essendo gerarchiche si premurano immediatamente di rinchiuderli in conventi, di imporre loro il silenzio, perche’ temono che il monaco, o il solitario che dir si voglia, arrivi laddove loro non sono arrivati, mostrando a tutti il loro fallimento. Ecco, la Wicca e’ l’unica religione, credo, a tollerare la figura del praticante solitario, ad accettare la figura di una persona che cammina da sola, che pensa e fa quello che vuole, che amministra la propria vita spirituale come ritiene opportuno per la cura del proprio spirito.

Quello che leggete, e’ proprio questo: il blog di un cammino religioso SOLITARIO.

La voce di uno solo.

Lev

2 pensieri su “Storia di witchbell.cc

  1. È un vero piacere tornare a leggerti dopo quasi venti anni. Ad un certo punto sei sparito improvvisamente dai news group, non ho capito mai il perchè, ma mi è dispiaciuto molto.
    Radhe radhe

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...